Ritardi per l'ospedale covid di Ribera, Pullara: "Sarò al fianco del sindaco"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Come volevasi dimostrare!
Dopo le passerelle, i bagni di folla ed i comizi, i problemi restano irrisolti, anzi si aggravano perdendo ciò che di buono si ha. Mi riferisco alla trasformazione dell'ospedale di Ribera in Hospital covid, che già di suo sconta un colpevole ritardo,  cosa che ho condiviso fin dall’inizio ma con il mantenimento di ciò che di buono già l’ospedale aveva cioè la fondazione Maugeri che consentirebbe la vita di questo ospedale oltre l’emergenza Covid. 
Sono le parole del Vice presidente della commissione Sanità all’Ars  on. Carmelo Pullara
Invece, il piano messo in campo dal governo regionale – prosegue il deputato - prevede la chiusura della Maugeri a Ribera e lo spostamento dei posti letto a Sciacca, con la ovvia ricaduta negativa non solo sanitaria ma anche economico/occupazionale sulla città di Ribera. Il neo Sindaco Ruvolo, cui vanno i miei migliori auguri di buon lavoro, dopo le pacche sulle spalle in campagna elettorale di tutto il gotha governativo e non solo, viene lasciato solo ad urlare il proprio disappunto. 
Ebbene Matteo Ruvolo, - sottolinea il parlamentare - che non ho appoggiato in campagna elettorale, sappia che quale sindaco della città di Ribera non è solo, al suo fianco io ci sono e insieme a lui ed alla popolazione di Ribera ed agli operatori sanitari sono pronto a dare battaglia con tutte le azioni che si riterranno opportune. In tal senso, ho già chiesto una convocazione urgente in commissione sanità di tutti gli attori interessati, a partendo proprio dallo stesso sindaco Ruvolo. Bisogna pensare ad incrementare l’offerta sanitaria e il mantenimento della struttura oltre la pandemia. 
Troppe scelte – conclude Pullara - si stanno compiendo, senza un preciso disegno strategico, al fine di correre ai ripari per colpevoli ritardi, cosa che  non possiamo permetterci come provincia di Agrigento e come territorio nello specifico interessato.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento