menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Quanto i carabinieri hanno sequestrato durante l'operazione di controllo

Quanto i carabinieri hanno sequestrato durante l'operazione di controllo

Droga e furti in case inagibili ed occupate, 10 immigrati arrestati

Otto tunisini, marocchini e siriani si erano allacciati abusivamente agli impianti di energia elettrica pubblica. Altri due sono stati trovati in possesso di 50 grammi di hashish, "roba" già suddivisa in 29 dosi

Otto arresti, di altrettanti extracomunitari, per furto di energia elettrica e due arresti per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. I carabinieri, con l'approssimarsi delle festività natalizie, hanno intensificato i controlli fra Sciacca e Ribera. In particolar modo - spiegano - nelle aree "sensibili" ed in quelle frequentate da soggetti la cui posizione sul territorio nazionale è irregolare.

I carabinieri di Ribera hanno, dunque, tratto in arresto per furto di energia elettrica 8 immigrati: tunisini, marocchini e siriana. Gli otto, la maggior parte dei quali con precedenti, risiedevano abusivamente nella cittadina crispina, in abitazioni dichiarate inagibili in via Tevere. Gli stessi si erano allacciati abusivamente alla rete elettrica dell’impianto di illuminazione comunale già da qualche mese".

Sempre i militari dell'Arma della tenenza di Ribera ed un’unità dei carabinieri cinofili di Palermo hanno effettuato, dopo aver cinturato la zona, altri controlli antidroga. Khalil Arfa venticinquenne di origine tunisina e Chawki Arouch ventiseienne di origine siriana sono stati trovati in possesso di quasi 50 grammi di hashish, già divisa in 29 dosi, un bilancino di precisione elettronico, un taglierino ed altro materiale necessario per la divisione e lo spaccio della sostanza.

Il tutto avrebbe fruttato circa 300 euro sul mercato locale. Il materiale e la sostanza stupefacente sono stati sequestrati. Nelle fasi del controllo i due giovani extracomunitari avrebbero tentato inutilmente di fuggire e di disfarsi della sostanza. I carabinieri, che li hanno inseguiti tra le case inagibili di via Tevere, li hanno però bloccati all’ultimo piano di una di queste, mentre tentavano di nascondersi. La sostanza stupefacente è stata ritrovata grazie al fiuto del cane. Era stata nascosta sotto una mattonella.

Le attività di controllo - spiegano dal comando della compagnia, saranno ulteriormente intensificate soprattutto nel periodo delle imminenti festività natalizie e riguarderanno anche la sicurezza della circolazione stradale, la commercializzazione di prodotti pirotecnici illegali ed il controllo nelle zone più affollate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento