menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Catalano e Cardillo

Catalano e Cardillo

"Tentata rapina e tentato omicidio", la Cassazione condanna i 2 imputati

Disposta la pena di 9 anni di reclusione per Antonino Cardillo di 28 anni e 10 anni per Natale Catalano di 49 anni

Condannati dalla Cassazione che ha disposto la pena di 9 anni di reclusione per Antonino Cardillo di 28 anni e 10 anni per Natale Catalano di 49 anni. La sentenza definitiva - per tentata rapina a una tabaccheria di Ribera e tentato omicidio del coadiutore dell’esercizio - a carico dei due riberesi è arrivata dopo che in appello le pene erano state di poco ridotte rispetto al giudizio di primo grado. E questo perché è saltato il capo d’imputazione di lesioni.

I due riberesi hanno ammesso la tentata rapina, ma escluso ogni responsabilità sul tentato omicidio del coadiutore. La pistola che impugnava - secondo l'accusa - Antonino Cardillo era a gas e non avrebbe mai potuto arrecare danno. La difesa di Catalano, con l’avvocato Francesco Di Giovanna, puntava alla nomina da parte dei giudici di un perito per un’intercettazione che è agli atti del processo e quella di Cardillo la proiezione delle immagini della tentata rapina alla tabaccheria, dalla quale scaturisce anche l’accusa di tentato omicidio, per dimostrare che la persona che impugna la pistola non punta mai l’arma quando tenta di sperare verso il coadiutore. Cardillo è difeso dagli avvocati Giovanni Vaccaro e Maurizio Gaudio.

Nel processo veniva contestata al solo Catalano anche l’accusa di rapina alla farmacia Ragusa di Calamonaci. La tentata rapina alla tabaccheria Valenti di Ribera, invece, è quella per la quale si contesta anche il tentato omicidio a Cardillo e il concorso a Catalano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento