rotate-mobile
Tribunale / Ribera

"Sorpreso con cocaina ed eroina dopo essersi rifornito a Palermo": 26enne ai domiciliari

Il giovane era stato arrestato dalla polizia insieme a un amico nei pressi dei caselli autostradali di Buonfornello: da un controllo della vettura erano saltati fuori oltre trenta grammi fra cocaina ed eroina

Arresti domiciliari in una casa di cura per tossicodipendenti: il gip del tribunale di Termini Imerese, Valeria Gioeli, ha scarcerato il 26enne Marco Ferraro, di Ribera, arrestato due settimane fa insieme all'amico Ajmen Mahjoub, 29 anni, di Sciacca, originario della Tunisia, nei pressi dei caselli autostradali di Buonfornello, nel Palermitano, dopo avere fatto rifornimento di droga.

Il giudice, pronunciandosi sull'istanza del difensore, l'avvocato Fabio Inglima Modica, ha disposto la sostituzione della misura cautelare. La polizia stradale, avvisata dal personale della Capitaneria di porto che aveva notato alcuni movimenti sospetti, decise di intervenire e non si fermò nemmeno dopo che uno dei due consegnò spontaneamente una piccola dose di cocaina. 

Alla fine, dalla perquisizione accurata eseguita nel cuore della notte, saltarono fuori 20 grammi di cocaina e 11 di eroina. I due sono stati bloccati a bordo di una Fiat Panda presa a noleggio da Ferraro e sottoposti ad un controllo della polizia stradale, dopo che la Capitaneria aveva segnalato dei movimenti sospetti. Il tunisino ha subito consegnato un grammo di cocaina, la perquisizione ha consentito poi di trovare il resto della droga nascosta all'interno del passaruota posteriore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sorpreso con cocaina ed eroina dopo essersi rifornito a Palermo": 26enne ai domiciliari

AgrigentoNotizie è in caricamento