menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Vecchie ruggini familiari": scoppia la lite e un 39enne viene accoltellato, un arresto

Il quarantaseienne è stato bloccato, dai carabinieri, l’accusa di lesioni personali. Sequestrato un coltello e un taglierino

Litigano per vecchie "ruggini" familiari. Un quarantaseienne estrae un coltello e un taglierino e scaglia un primo fendente al braccio del suo familiare. Il trentanovenne  è finito al pronto soccorso. L'altro - il quarantaseienne, già noto alle forze dell'ordine, - è stato arrestato dai carabinieri. E' accaduto tutto, durante la notte, a Ribera.  

Notte durante la quale è arrivata una chiamata al 112 per un accoltellamento. I militari della locale tenenza si sono precipitati in via Terranova in pochi istanti e si sono trovati davanti due uomini, fra loro parenti, che - a causa di ruggini familiari - erano venuti alle mani. Uno dei due, il 46enne, aveva estratto un coltello dalla lama seghettata e un taglierino più piccolo. La lite stava per finire in tragedia, quando i carabinieri sono abilmente riusciti a bloccare l’aggressore e a disarmarlo. L’uomo, poco prima, aveva già inferto - hanno ricostruito dal comando provinciale dell'Arma di Agrigento - un primo fendente di coltello al braccio del suo parente. Per la vittima, un riberese trentanovenne, si è reso necessario ricorrere alle cure mediche del personale del 118 che lo ha trasferito al pronto soccorso dove gli hanno diagnosticato una ferita lacero contusa al braccio destro.

Con l’accusa di lesioni personali, l'altro uomo coinvolto nella lite è stato arrestato. Adesso è in attesa del giudizio direttissimo davanti al tribunale di Sciacca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento