rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Cronaca

"Riaprire i cantieri nelle incompiute agrigentine", l'appello della Cgil

Nei giorni scorsi il segretario regionale della Fillea Sicilia, Franco Tarantino era tornato sul mancato avvio delle opere previste nel “Patto per la Sicilia”.

Un appello per far ripartire i cantieri nelle opere incompiute dell'Agrigentino. A lanciarlo il segretario della Cgil Agrigento, Massimo Raso, che chiede un "patto" per far ripartire l'edilizia. 

Nei giorni scorsi il segretario regionale della Fillea Cgil Sicilia, Franco Tarantino, aveva rilanciato il tema delle incompiute in Sicilia e del mancato avvio delle opere previste nel “Patto per la Sicilia”. "All’interno di questo elenco - scrive Raso in una nota - alcune opere incompiute sono nella nostra provincia ed interessano i Comuni di Agrigento, Aragona, Calamonaci, Racalmuto. Questo elenco, a mio avviso non è esaustivo dell’insieme delle opere incompiute della nostra provincia, vanno aggiunte le opere inserite nel 'Patto per la Sicilia', capire cosa succede nei Comuni in relazione alle opere inserite nei 'piani triennali'"..

Ieri, Vito Baglio, segretario della Fillea agrigentina, a Montevago - si legge ancora nella nota del sindacato - "ha riepilogto i numeri della crisi del settore in questi anni della crisi da cui non usciamo: oltre 4200 lavoratori edili e oltre 700 Imprese sono stati cancellati in una provincia dove il livello della disoccupazione è più che doppio rispetto al resto del Paese".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Riaprire i cantieri nelle incompiute agrigentine", l'appello della Cgil

AgrigentoNotizie è in caricamento