Via San Girolamo riaperta tra le polemiche, per i residenti solo "allegria e sfincione"

Ripristinata anche la rete idrica. Contrastanti sono gli umori degli agrigentini che ritengono si potesse fare di più dal punto di vista "estetico"

Via S. Girolamo nuovamente asfaltata

Dopo quasi nove mesi di interdizione al transito a causa di alcuni edifici pericolanti, è stata riaperta la via San Girolamo.

Ripristinata la sede stradale e, con l'occasione, anche la rete idrica, contrastanti sono gli umori degli agrigentini che ritengono si potesse fare di più dal punto di vista “estetico” vista la collocazione in pieno centro storico della strada.

Ma non pare abbiano nulla da dire, invece, i residenti che finalmente si riappropriano dell'arteria e “smettono di mangiare polvere”, come da mesi comprensibilmente lamentano. Pare abbiano perfino festeggiato in strada oggi, con tanto di “sfincione” condiviso in allegria.

Intanto, c'è chi sui social ipotizzava l'utilizzo di un asfalto “colorato”, che richiamasse la cromia del giallo tufaceo, così come materiali eco compatibili, chi lamenta la copertura dei tombini col bitume (che hanno richiesto l'intervento di “scopertura” da parte di Girgenti acque), e chi, ancora, ritiene fosse più “rispettoso” utilizzare gli stessi sampietrini che sono presenti in altri tratti della zona.

Rispetto alla “copertura” dei chiusini, è parere degli addetti ai lavori che il modo corretto di operare sia questo: livellare l'asse viario per poi liberare il “tombino”, riposizionandolo alla giusta altezza per evitare si creino delle “trappole” tanto per i mezzi motorizzati quanto per i pedoni. Ma i più esperti potranno di certo argomentare spiegando in quale altro modo sarebbe possibile farlo.

Chi non ha dubbi che i lavori siano stati eseguiti come si doveva è il sindaco Lillo Firetto, secondo il quale la città ha tratto beneficio dagli interventi che hanno consentito anche l'ammodernamento della rete idrica in quella porzione di centro storico.

"In quella zona c'erano avvallamenti, buche, e l'asfalto presentava severe abrasioni in diversi tratti – ha detto Firetto -. C'erano perdite idriche e appartamenti che scaricavano le acque nere direttamente in strada: queste utenze sono state adesso convogliate nell'ordinaria rete fognaria. Ma non solo, con questi interventi abbiamo rimesso in sesto la strada, asfaltata per intero seppure il taglio fosse stato fatto solo per una porzione della stessa, abbiamo messo in sicurezza due edifici pericolanti in tempi brevissimi nonostante i contenziosi, ed i sampietrini non sono stati toccati dove c'erano. Abbiamo migliorato lo stato dei luoghi, che adesso sono decorosi, fruibili e vivibili". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

  • Il riscatto e la rinascita, Andrea Mendola: "Non vedevo futuro adesso tutto è cambiato"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento