rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Palacongressi ci siamo, Giuseppe Parello: "Entro l’anno la riapertura"

Via sterpaglie e rovi, gli operai sono già al lavoro. La location del Villaggio Mosè è pronta a tornare a vivere

Palacongressi, adesso si può. Gli operai sono già al lavoro, l’area esterna di uno dei posti più frequentati negli anni, della città sta tornando a vivere. Via sterpaglie e rovi, il giardino è pronto a respirare. Abbiamo iniziato con la pulizia straordinaria dell'area esterna - ha spiegato, ieri mattina, il direttore del Parco archeologico Valle dei Templi Giuseppe Parello - per evitare incendi. Era il primo, urgente, passo da muovere. Il rischio roghi, visto le alte sterpaglie, era, del resto altissimo, specie in questo periodo di caldo infernale. Poi, subito dopo Ferragosto, passeremo agli interni. Da contratto è previsto che entro sei mesi le operazioni di manutenzioni e ripristino vengano concluse. E' possibile, lo speriamo, che entro Natale o entro la fine dell'anno - ha concluso Parello - si possa arrivare alla riapertura parziale del Palacongressi".

E’ passato più di un anno, da quando la Regione Sicilia ha scelto di consegnare le chiavi del Palacongressi al Parco archeologico Valle dei Templi. L’inventario prima e poi la consegna formare.  Degli interventi si occuperà - dopo che la gara, nei mesi scorsi, era stata riaperta per un errore materiale, - la"Idrotermoelettreca" di Bagheria. Impresa che si è aggiudicata i lavori per un importo, al netto del ribasso d'asta, di 292.074,12 euro. 

Il Palacongressi, dunque, non soltanto si salverà, ma tornerà ad essere – trovandosi in un luogo strategico per la Valle dei Templi ed affacciandosi sul Mediterraneo - il punto di riferimento per ogni tipo di iniziativa. a svolta – tre anni dopo la chiusura – è arrivata nel febbraio del 2016, grazie ad una norma inserita nella Finanziaria della Regione ed approvata in commissione. Una norma voluta dai deputati regionali Michele Cimino, Vincenzo Fontana e Giovanni Panepinto che, allora, si fecero promotori dell'emendamento. Da allora, è stato necessario attendere che la norma venisse pubblicata e divenisse, dunque, esecutiva. La struttura negli anni ha ospitato convegni e seminari, ed ha una capienza di 1400 posti, per il recupero degli impianti serviranno circa 600 mila euro. a svolta – tre anni dopo la chiusura – è arrivata nel febbraio del 2016, grazie ad una norma inserita nella Finanziaria della Regione ed approvata in commissione. Una norma voluta dai deputati regionali Michele Cimino, Vincenzo Fontana e Giovanni Panepinto che, allora, si fecero promotori dell'emendamento. Da allora, è stato necessario attendere che la norma venisse pubblicata e divenisse, dunque, esecutiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palacongressi ci siamo, Giuseppe Parello: "Entro l’anno la riapertura"

AgrigentoNotizie è in caricamento