rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Tribunale

L'inchiesta su corruzione e abuso d'ufficio al Parco di Selinunte, gip revoca misura a Bernardo Agrò

A seguito di dimissioni volontarie dall'incarico di direttore del Parco Lilibeo, da direttore del museo archeologico 'Baglio Anselmi' di Marsala, nonché da presidente del Consiglio Valle dei Templidi Agrigento non c'è - per il giudice per le indagini preliminari - pericolo di reiterazione di condotte illecite

Il gip del tribunale di Marsala, Riccardo Alcamo, ha revocato - e con efficacia immediata - la misura cautelare interdittiva della sospensione temporanea dall'esercizio di pubblico ufficiale applicata a Bernardo Agrò: il presidente del Parco archeologico della Valle dei Templi e direttore del Parco di Lilibeo a Marsala che si era dimesso a seguito di un'ordinanza per un'indagine avente a oggetto presunte irregolarità in alcuni appalti al Parco archeologico di Selinunte, di cui è stato, per un periodo, direttore. 

Lavori affidati alle imprese degli amici, scoperto sistema di corruzione al Parco di Selinunte: 6 misure cautelari

L'inchiesta su corruzione e abuso d'ufficio della Gdf, Agrò rassegna le dimissioni

L'ordinanza, che applicava la misura cautelare, era stata emessa dal gip il 27 febbraio scorso e notificata all'indagato il 6 marzo scorso. I reati contestati sono: abuso d'ufficio, induzione indebita e falso ideologico commessi nel 2020 e 2021. 

"Le esigenze cautelari sono state ravvisate in relazione al pericolo che l'indagato, sfruttando la posizione apicale (direttiva/dirigenziale) ricoperta in seno all'amministrazione di appartenenza che ha 'favorito la consumazione degli illeciti' - scrive il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Marsala - reiteri le medesime condotte illecite o analoghe condotte integrative di altri reati contro la pubblica amministrazione. Ritenuto che Agrò è cessato, a seguito di dimissioni volontarie, dall'incarico di direttore del Parco Lilibeo, da direttore del museo archeologico 'Baglio Anselmi' di Marsala, nonché da presidente del Consiglio Valle dei Templidi Agrigento". Il gip ha, di fatto, tenuto conto delle dimissioni di Bernardo Agrò e ha reputato che "almeno allo stato - scrive - è venuto meno il rischio di recidiva". Motivo per il quale, appunto, è stata revocata la misura cautelare interdittiva della sospensione temporanea dall'esercizio di pubblico ufficiale  Agrò è rappresentato e difeso dall'avvocato Giuseppe Scozzari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'inchiesta su corruzione e abuso d'ufficio al Parco di Selinunte, gip revoca misura a Bernardo Agrò

AgrigentoNotizie è in caricamento