menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una ruspa al lavoro (foto archivio)

Una ruspa al lavoro (foto archivio)

Demolizioni a Licata, il Tar respinge il ricorso dei proprietari dei fabbricati abusivi

Il Tar Sicilia ha respinto l'istanza cautelare, condannando inoltre i ricorrenti al pagamento delle spese. Questo è uno dei due ricorsi presentati contro le ruspe a Licata. Si attende, infatti, ancora la decisione in merito a quello presentato dall'associazione "Periscopio"

Il Tribunale amministrativo regionale di Palermo ha respinto l'istanza cautelativa avanzata dai proprietari delle abitazioni abusive di Licata. Il ricorso, presentato contro il Comune di Licata e nei confronti dell’impresa che si era aggiudicata i lavori, era mirato all'annullamento del bando di gara per i lavori di demolizione degli immobili abusivi e all'annullamento del verbale di aggiudicazione dei lavori stessi.

Il Tar Sicilia (terza sezione) ha quindi respinto l'istanza cautelare, condannando inoltre i ricorrenti al pagamento delle spese. Questo è uno dei due ricorsi presentati contro le ruspe a Licata. Si attende, infatti, ancora la decisione in merito a quello presentato dall'associazione "Periscopio", nata proprio a tutela delle case.

Le demolizioni degli immobili ricadenti nel territorio del Comune di Licata e dichiarati abusivi da sentenze passate in giudicato fanno seguito a quelle già eseguite ad Agrigento e già programmate anche in altri paesi della provincia. Un'azione chiesta e voluta dalla Procura della Repubblica di Agrigento che ha scritto ai vari sindaci chiedendo di eseguire le sentenze di abusivismo, talvolta risalenti agli anni ’90 e mai eseguite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento