menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Non si fermò all'alt dei carabinieri», sentenza di assoluzione per un favarese

Il pm aveva chiesto una condanna a 8 mesi di reclusione. Stagno era imputato per resistenza a pubblico ufficiale perchè il 25 settembre del 2013 si sarebbe sottratto all'alt intimatogli a Favara da una pattuglia dei carabinieri, dandosi alla fuga sino a far perdere le proprie tracce

Il Tribunale di Agrigento ha pronunziato sentenza di assoluzione nei confronti di Gianluca Stagno, 26enne di Favara, perché il fatto non sussiste.

Il pm aveva chiesto una condanna a 8 mesi di reclusione. Stagno era imputato per resistenza a pubblico ufficiale perchè il 25 settembre del 2013 si sarebbe sottratto all'alt intimatogli a Favara da una pattuglia dei carabinieri, dandosi alla fuga sino a far perdere le proprie tracce.

L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato difeso di fiducia dagli avvocati Daniele Re e Marco Padùla. Il giudice ha accolto la tesi difensiva secondo cui non sono stati accertati i motivi che hanno indotto il favarese a non fermarsi, considerato anche il particolare che a bordo della propria auto stava trasportando la moglie e la piccola figlia. E che pertanto non è escluso che egli abbia potuto agire in stato di necessità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento