"Resistenza a pubblico ufficiale", i carabinieri lo cercavano da un anno: arrestato

A carico dell’uomo c’era un ordine di carcerazione, emesso dal tribunale di Agrigento, perché doveva scontare cinque mesi di reclusione

Da un annetto risultava essere irreperibile. Per i carabinieri era un ricercato. E’ attraverso le ricerche e attività info-investigative che i militari dell’Arma del reparto Operativo di Agrigento sono riusciti a trovare e ad arrestare il quarantacinquenne agrigentino Ignazio Noto. A carico dell’uomo c’era un ordine di carcerazione, emesso dal tribunale di Agrigento, perché doveva scontare cinque mesi di reclusione per l’ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale. Fatti verificatisi, nella città dei Templi, nel 2014.

Soltanto nel 2018, a carico dell’agrigentino è stato firmato l’ordine di carcerazione. Ordine che i carabinieri non sono riusciti ad eseguire e questo perché, appunto, l’uomo sarebbe risultato essere irreperibile. Ecco dunque che, stando a quanto ieri è stato reso noto dal comando provinciale dell’Arma di Agrigento, i militari del reparto Operativo hanno avviato delle ricerche mirate e una vera e propria attività info-investigativa. Ed è grazie a questa attività se è stato possibile effettuare, nel centro storico di Agrigento, il rintraccio del quarantacinquenne che, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato alla casa circondariale “Di Lorenzo” di contrada Petrusa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento