rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Cronaca

Dichiarazioni Tuzzolino, Giuseppe Arnone: "Io estraneo a tutte le vicende"

L'ambientalista in una nota stampa: "In Slovenia sono stato di passaggio ventiquattro anni addietro, ma ero in compagnia di mia moglie e non dell'architetto Baldo. Con Baldo non ho mai fatto nessun viaggio"

L’ex consigliere comunale Giuseppe Arnone replica alle notizie riguardanti le dichiarazioni di Giuseppe Tuzzolino rese ai magistrati della Dda di Palermo e della Procura di Agrigento.

"La Legambiente – scrive Arnone in una nota stampa - è sempre stata costituita parte civile contro Baldo, Sodano e gli altri, sia nel processo di Favara Ovest che nel processo dell’abusivismo edilizio; nel processo di Favara Ovest l’avvocato di Legambiente era Daniela Ciancimino, perché abbiamo fatto la scelta che io dovevo essere testimone, avendo avuto un ruolo importantissimo nelle denunce. In primo grado ottenemmo la condanna di Baldo, Sodano, Hamel ed altri; in Appello scrissi, con l’avvocato Ciancimino, memorie e comparse durissime per chiedere la conferma della sentenza di primo grado, e la Corte d’Appello confermò i reati ritenendone la gran parte prescritti, mentre per alcuni sentenziò che la Procura di Agrigento aveva posto in essere vizi di forma. Per quanto riguarda il processo di abusivismo io all’epoca non ero cassazionista e non sono potuto andare in Cassazione, ove Legambiente era rappresentata da un altro legale. In appello, dove io rappresentavo Legambiente come avvocato, abbiamo avuto la conferma della condanna di Baldo, anche a risarcire il danno. In Slovenia sono stato di passaggio ventiquattro anni addietro, ma ero in compagnia di mia moglie e non dell’architetto Baldo. Con Baldo non ho mai fatto nessun viaggio, neanche a Carrapipi. Non frequento casinò, odio i casinò. L’ultima volta che sono andato a Montecarlo ho atteso mia moglie avanti al casinò al sole, era una bellissima estate, parecchi anni addietro. Non parto con mio fratello Salvatore da quando eravamo ragazzini. Ma la cosa più divertente delle dichiarazioni di Tuzzolino è relativa agli assegni per sessantamila euro (o per sessanta milioni?) che avrei incassato nel 2006 o nel 2005: vengo pure presentato come un imbecille, perché solo un imbecille poteva incassare sessantamila euro sui propri conti corrente, per poi dovere emettere la fattura per giustificare l’incasso al fisco, pagare l’IRPEF e l’IVA. Comunque i miei conti corrente sono lì a disposizione. Nulla posso dire invece di tentati omicidi ai miei danni" ha concluso Giuseppe Arnone.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dichiarazioni Tuzzolino, Giuseppe Arnone: "Io estraneo a tutte le vicende"

AgrigentoNotizie è in caricamento