Mafia ed estorsioni, denunce in crescita: il capo della Dia agli imprenditori: "La criminalità non porta progresso”

Nel secondo semestre del 2020 nell'Agrigentino si sono raddoppiate le richieste di aiuto alle forze dell'ordine

In sei mesi, in provincia di Agrigento le denunce per estorsione si sono raddoppiate rispetto al semestre precedente, complessivamente sono state 46 le richieste di aiuto alle forze dell'ordine presentate da imprenditori che non si sono piegati al pizzo. Il dato emerge dalla relazione semestrale della dia relativa al perdiodo compreso tra luglio e dicembre dell'anno scorso.

Mafia, la Dia: "I clan non riescono a ricostruire la 'cupola', riaperte le porte agli 'scappati'"

“Il dato è confortante – dice dai microfoni di AgrigentoNotizie il vice questore Roberto Cilona che guida la sezione agrigentina della direzione investigativa antimafia che lancia anche un appello agli imprenditori – ricordatevi che fate parte di un sistema e di una comunità che nel progresso ha il suo fine principale. La mafia – aggiunge il capo della Dia di Agrigento - non porta progresso nel territorio ma produce solo sottosviluppo”.

Mafia, la Dia: "Gli agrigentini si rivolgono a Cosa Nostra per dirimere le controversie, Messina Denaro decide ancora"

Video popolari

Mafia ed estorsioni, denunce in crescita: il capo della Dia agli imprenditori: "La criminalità non porta progresso”

AgrigentoNotizie è in caricamento