Libero consorzio, approvato il regolamento per la pesca nelle acque interne

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il Settore Ambiente del Libero Consorzio Comunale di Agrigento ha di recente monitorato e classificato tutti i principali corsi d'acqua della provincia, classificando le specie ittiche tipiche del territorio. Sulla scorta del documento redatto è stato esitato il nuovo regolamento provinciale per la pesca nelle acque interne con determinazione n. 299/2019 del Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, dr. Girolamo Alberto Di Pisa.
Particolare attenzione è stata data, nel documento elaborato dal Settore Ambiente, alla situazione dei corsi d'acqua, beni naturali considerati spesso di secondaria importanza a causa del loro regime e delle condizioni generali spesso non ottimali per vari problemi legati ad opere irrazionali di sistemazione idraulica e diverse tipologie di inquinamento (reflui fognari, scarichi industriali e da attività produttive di vario genere), ma che sono essenziali per la sopravvivenza e la conservazione della ricca fauna acquatica (varie specie di pesci, anfibi, rettili e dell'avifauna) e memoria delle nostre radici in quanto attraverso il corso di questi fiumi sono nate le più importanti civiltà del passato.
L'analisi effettuata riassume lo status dei corsi d'acqua e delle principali specie ittiche sia sul piano della loro effettiva presenza, sia sull'interesse che rivestono per la pesca sportiva nelle acque interne e sul potenziale impatto che quest'ultima potrebbe avere se esercitata senza le necessarie prescrizioni.
Il regolamento disciplina il rilascio delle licenze di pesca in tutti i corsi d'acqua ed altre autorizzazioni, ed è pubblicato all'albo pretorio online del sito istituzionale www.provincia.agrigento.it. Ad esso devono rigorosamente attenersi tutti coloro che intendono svolgere attività di pesca nelle acque interne.
 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento