menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tempio della Concordia di Agrigento

Il tempio della Concordia di Agrigento

La Regione dice stop ai servizi aggiuntivi, tempi duri per la Valle dei templi

La vicenda del taglio della Regione sarebbe legata allo "scandalo Novamusa". Dopo 5 anni di processo, nel gennaio del 2018, il tribunale di Civitavecchia ha assolto - "perché il fatto non sussiste" - Gaetano Mercadante, amministratore pro tempore della società Novamusa dal 1999 al 2012. La sentenza è definitiva

Il futuro della Valle dei templi di Agrigento non sembra essere roseo. Nonostante sia patrimonio dell'Unesco, nonostante sia talvolta l'immagine per antonomasia della Sicilia, la Valle sembra essere stata "abbandonata". Sì, perché la Regione Sicilia ha detto stop ai servizi aggiuntivi: dalla prossima settimana, infatti, i turisti dovranno dire addio ai bookshop e ai punti vendita di souvenirs, alle audio-guide, ai bar lungo la via sacra e all'interno del Museo di San Nicola. E non solo: il consorzio che gestiva i servizi aggiuntivi si occupava anche delle biglietterie, che adesso saranno affidate ai custodi dell'Ente Parco Archeologico. 

La vicenda del taglio della Regione sarebbe legata allo "scandalo Novamusa", ovvero  all'arresto di Gaetano Mercadante, legale rappresentante della società "Novamusa", accusato di non avere versato alla Regione siciliana introiti per circa 19 milioni di euro provenienti dagli incassi dei più noti tesori siciliani come il Teatro Greco di Taormina o il Parco Meapolis di Siracusa. L'episodio avrebbe spinto la Regione a prendere una drastica decisione anche se il sito agrigentino non è stato sfiorato dall'inchiesta. 

La società che ha in gestione dal 2003 i servizi aggiuntivi nella Valle dei templi di Agrigento è il consorzio "I luoghi dell'Arcadia", che occupa all'incirca venti persone (che arrivano a 40 in estate quando il flusso turistico è maggiore). 

Nei prossimi giorni non è escluso che si verifichino disagi: il personale in servizio all'Ente Parco non è infatti sufficiente a garantire tutti i servizi, vista anche la specificità di settori come la ristorazione o le audio guide. La Valle dei templi ha in media 400mila visitatori l'anno, con punte di oltre seicentomila tra il 2000 e il 2001.

Il direttore dell'Ente Parco Giuseppe Parello ha detto che "l'amministrazione si sta attivando per fare fronte all'emergenza nel migliore dei modi. Non sarà facile in pochi giorni assicurare tutti i servizi che in dieci anni sono stati curati dalla società che li ha gestiti”.

"Il fatto non sussiste", assolto Mercadante 

Dopo 5 anni di processo, il tribunale di Civitavecchia ha assolto - "perché il fatto non sussiste" - Gaetano Mercadante, amministratore pro tempore della società Novamusa dal 1999 al 2012. Né la Procura generale, né tanto meno la Regione Siciliana, né il Comune di Taormina - che erano parti civile nel processo - hanno proposto appello e dunque la sentenza di assoluzione è divenuta definitiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento