menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un impianto di compostaggio a Ravanusa, arrivano soldi dalla Regione

I soldi sono erogati da Palazzo d'Orléans. Fondi destinati (in parte) anche all'Agrigentino

Impianti pubblici di smaltimento dei rifiuti, si lavora per l'apertura nella zona industriale di Ravanusa  di uno stabilimento di compostaggio a digestione anerobica. 

"Oggi in IV commissione ho audito il sindaco di Ravanusa, il dirigente Cocina, la Srr di Agrigento e i progettisti del Comune di Ravanusa per cercare di superare alcune criticità ovvero per dare una sensibile accelerazione  alla realizzazione di un nuovo e moderno impianto di compostaggio a servizio di Ravanusa e comuni limitrofi". Queste le parole di Savarino, che poi ha continuato

"Vi era un dubbio sulla tecnologia scelta nella redazione del progetto, superata questa perplessità, oggi stesso, la SRR invierà il progetto in assessorato per avviare l’iter autorizzativo. Ed ancora, alla presenza del sindaco Di Ventura e dei vertici della Sea, sulla base di un report inviato alla Commissione dal prefetto Caputo, ho trattato la 'questione Canicattì', colpita da roghi di rifiuti nei giorni scorsi. Ci sono diverse criticità dovute probabilmente sia ad alcune inadempienze contrattuali, sia alla scarsa sensibilizzazione dei cittadini rispetto al tema ambientale. Per questo abbiamo sollecitato il Comune ad attivare tutte le misure necessarie a pretendere una corretta esecuzione del contratto ed a portare avanti progetti di educazione ambientale. E’ necessario che la gente capisca l’importanza del differenziare ed i rischi a cui esponiamo noi stessi ed i nostri figli nel porre in essere comportamenti vietati dalla legge, come bruciare i rifiuti. Al fine di rassicurare la cittadinanza ed evitare eventuali  allarmismi,  abbiamo anche sollecitato l’Arpa ad istituite un comitato tecnico che focalizzi l’attenzione sul Comune di Canicattì, perché  tutto vogliamo per questa terra tranne che passi il messaggio che le produzioni non siano di qualità. Quindi che si effettuino tutti i controlli necessari a garantire la salubrità dell’ ambiente.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento