rotate-mobile
"Falso" / Sciacca

"Non comunicarono assunzione all'Inps continuando a incassare il reddito di cittadinanza": assolti

Il pm aveva chiesto la condanna a 8 mesi di reclusione per entrambi gli imputati. Per il giudice "il fatto non sussiste"

"Il fatto non sussiste". È con questa formula, pienamente liberatoria, che due saccensi Leonardo Dimino di 59 anni e Stefano Baldassano di 48, sono stati assolti dal tribunale della città termale. I due erano stati accusati di "falso". Durante un controllo dei carabinieri del Nas, era il 2020, i due vennero trovati intenti a sgusciare gamberi in una ditta ittica. Si trattata di due percettori di reddito di cittadinanza e pertanto l'accusa di falso venne configurata perché nessuno dei due - stando alle ricostruzioni dei militari dell'Arma del Nas - aveva comunicato all'Inps di essere stati ingaggiati in una ditta di prodotti ittici. 

Il pm, a margine della requisitoria, aveva chiesto la condanna di entrambi ad 8 mesi di reclusione. Gli avvocati Giuseppe e Sergio Vaccaro hanno sostenuto invece la mancanza di prova. Secondo la difesa i due saccensi non stavano lavorando, ma preparando una scampagnata tra amici. Il giudice, ritenendo incerta la prova, ha assolto entrambi perché il fatto non sussiste. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non comunicarono assunzione all'Inps continuando a incassare il reddito di cittadinanza": assolti

AgrigentoNotizie è in caricamento