menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le matasse di rame trovate a bordo del furgone

Le matasse di rame trovate a bordo del furgone

Ravanusa, i carabinieri recuperano dieci quintali di rame rubato

I cavi si trovavano su un furgone, abbandonato da due soggetti che alla vista dei carabinieri sono fuggiti a piedi. Il mezzo era stato rubato i primi di gennaio a Butera (Caltanissetta)

Risale ad uno dei primi giorni della scorsa settimana l’attività dei carabinieri della Stazione di Ravanusa che in contrada "San Nicola" hanno recuperato 10 quintali di rame. I militari dell'Arma avevano intimato l'alt ad un furgone Fiat Fiorino che circolava in quella contrada. Il conducente del mezzo, però, alla vista dei carabinieri, si è dato alla fuga, abbandonando poco dopo il furgone per poi fuggire a piedi.

L'uomo, insieme ad un'altra persona che lo accompagnava, ha fatto perdere le proprie tracce. Ma i carabinieri hanno trovato a bordo del mezzo varie matasse di rame, del peso approssimativo di dieci quintali, oltre che vari strumenti per il taglio di filo metallico. A seguito dei controlli effettuati sul mezzo, inoltre, i militari hanno scoperto che il furgone era stato rubato agli inizi del mese di gennaio a Butera (Caltanissetta). La refurtiva è stata sottoposta a sequestro, mentre le indagini per l'identificazione dei due fuggitivi sono tuttora in corso.

Recente è, invece, un’ulteriore denuncia a piede libero di due soggetti da parte del Nucleo operativo della Compagnia di Licata, che hannoRame Ravanusa1-2 segnalato due persone alla magistratura: S.L., 21enne, e B.O., 22enne, già noti ai carabinieri per i loro trascorsi con la giustizia, nonostante la giovane età, sono stati denunciati per ricettazione. I due ragazzi sono stati trovati in possesso di 62 chili di rame, trasportati su un ciclomotore Aprilia Scarabeo senza targa. Il materiale, anche in questo caso, è stato sequestrato per stabilirne l'esatta provenienza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento