Villaggio dei vip abusivo alla Scala dei Turchi, gli imputati potrebbero rinunciare alla prescrizione

Il processo è ripartito, dopo nove mesi dai rinvii a giudizio, ma i reati di lottizzazione illegale e "deturpamento di bellezze naturali" non sono più punibili: la difesa annuncia la possibile decisione di farli processare nel merito

Il processo sulle presunte irregolarità legate alla realizzazione del cosiddetto “Villaggio dei vip”, un complesso di villette a schiera, nei pressi della Scala dei Turchi, a Realmonte, la cui realizzazione è stata bloccata sul nascere dall'inchiesta che ipotizza un piano di lottizzazione abusivo, si sblocca dopo quasi un anno dai rinvii a giudizio ma il decorso del tempo rischia di far cadere quasi tutte le accuse senza neppure una decisione nel merito.

Il presidente della seconda sezione penale Wilma Angela Mazzara, che dirige un collegio davanti al quale è ripartito questa mattina il dibattimento, ha fatto presente - prima ancora che le parti iniziassero a illustrare i propri mezzi di prova - che i cinque capi di imputazione che ipotizzano i reati di lottizzazione abusiva e di "deturpazione di bellezze naturali", assai risalenti nel tempo, addirittura a partire dal 2008, non sono più punibili perchè caduti in prescrizione. Resterebbe in piedi solo l'abuso di ufficio, contestato a tutti gli imputati, e la singola accusa di falso, ipotizzata nei confronti del direttore dei lavori Daniele Manfredi che avrebbe attestato falsamente, in due perizie consegnate alla Sovrintendenza, che il progetto rispettava il limite della distanza di 150 metri dalla battigia. 

La difesa, però, (fra gli altri gli avvocati Leonardo Marino, Alessandro Patti ed Enrico Quattrocchi) si è riservata di esprimersi sul punto: in sostanza potrebbero decidere, come qualcuno ha ipotizzato, di rinunciare alla prescrizione per tentare di ottenere un'assoluzione nel merito. Il 28 maggio, data in cui è stata aggiornata la prossima udienza, ci sarà anche una decisione su questo aspetto dl tutto decisivo.

Lo scorso 5 novembre il giudice monocratico Alessandro Quattrocchi, davanti al quale per un errore era stato assegnato il procedimento dopo i rinvii a giudizio, datati 26 luglio, si era dichiarato “incompetente per materia”, facendo slittare l’inizio del dibattimento. In sostanza, essendo stati gli imputati rinviati a giudizio per abuso di ufficio, il processo si deve celebrare davanti al tribunale collegiale e non, come disposto nel decreto che disponeva il giudizio, davanti al giudice monocratico. Il dibattimento doveva ripartire davanti al collegio della stessa sezione ma il presidente Alfonso Malato aveva trattato il procedimento in qualità di gip e, quindi, era incompatibile. Le problematiche procedurali, in sostanza, hanno congelato l'avvio del processo e quasi tutti i reati, nel frattempo, si sono prescritti.

Il giudice Francesco Provenzano aveva concluso l’udienza preliminare - scandita da contrasti e veleni sfociati persino con l’iscrizione del registro degli indagati di uno dei periti, accusato di falso - con quattro condanne, inflitte agli imputati del troncone abbreviato, e otto rinvii a giudizio.

Villaggio dei vip abusivo alla Scala dei Turchi, si sblocca il processo

Quattro mesi di arresto e 4 mila euro di ammenda sono stati inflitti ad Antonino Terrana, 60 anni, dirigente della Soprintendenza e Giovanni Francesco Barraco, 57 anni, direttore dei lavori. Otto mesi di arresto e 14 mila euro di ammenda per Gaetano Caristia, 72 anni, presidente della società siracusana Co.Ma.Er che stava realizzando il complesso di villette a schiera e Sebastiano Comparato, 83 anni, legale rappresentante e socio maggioritario della stessa società. Gli otto rinviati a giudizio sono: l’architetto Giuseppe Vella, 59 anni, funzionario del Comune di Realmonte; Giuseppe Farruggia, 64 anni, ex sindaco di Realmonte nonché progettista della lottizzazione Co.Ma.Er; Cristoforo Giuseppe Sorrentino, 54 anni, tecnico dell’Utc di Realmonte, responsabile del procedimento della lottizzazione Co.Ma.Er; Daniele Manfredi, 57 anni, direttore dei lavori; Giovanni Farruggia, 61 anni, direttore dei lavori per le opere di urbanizzazione relative alla lottizzazione Co.Ma.Er; Vincenzo Caruso, 62 anni, all'epoca dirigente del servizio per i Beni paesistici della Soprintendenza; Agostino Friscia, 65 anni, dirigente della Soprintendenza; e Calogero Carbone, 65 anni, anch'egli dirigente della Soprintendenza.

I principali reati contestati sono l’abuso di ufficio, la lottizzazione abusiva e la violazione della normativa edilizia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Col passato ho chiuso e studio per diplomarmi", ex braccio destro del boss chiede di tornare libero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento