Erosione e sicurezza alla Scala dei Turchi, il M5S chiede audizione urgente all’Ars 

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Una richiesta di audizione urgente e congiunta nelle commissioni IV (Ambiente) e V (Cultura) è stata presentata dai deputati regionali del Movimento 5 Stelle, Roberta Schillaci e Giovanni Di Caro, per affrontare la situazione della “Scala dei Turchi”, un tratto di costa di particolare pregio ambientale e interesse turistico in provincia di Agrigento, messo a dura prova dalle condizioni meteo avverse dell’ultimo periodo. 


“La Scala dei Turchi - ricordano Schillaci e Di Caro - è soggetta ad erosione naturale che ne mette continuamente a rischio la sicurezza per i bagnanti e i molti turisti che qui si recano perché rappresenta una delle più belle attrazioni della Sicilia. Bisogna intervenire innanzitutto per chiarire il contenzioso sulla proprietà tra Comune e privati, oltre che per salvaguardare il bene e metterlo in sicurezza con adeguate prescrizioni e vigilanza per regolare il transito dei visitatori, in particolare nei punti soggetti a frane. Un piccolo Comune come Realmonte non ha le risorse per sobbarcarsi la tutela del bene. Riteniamo che l’audizione possa essere una determinante occasione di confronto tra i soggetti che abbiamo chiesto siano presenti: gli assessori regionali Cordaro (Ambiente e Territorio) e Grasso (Autonomie locali), il presidente della Regione Musumeci in quanto assessore ad interim ai Beni culturali, il dirigente generale del dipartimento Ambiente, Battaglia, il delegato per Agrigento dell’associazione Mareamico, Lombardo, e il sindaco di Realmonte, Zicari”. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento