Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Realmonte

L'inchiesta sulla Scala dei Turchi "contesa", i periti del gip: "Non è pubblica"

Gli esperti, nominati dal giudice nell'ambito degli accertamenti che hanno portato al sequestro della scogliera, sono arrivati alla conclusione, illustrata nel corso dell'incidente probatorio, che "una delle tre particelle è privata per atti notarili e le altre due non sono state mai acquisite dal demanio"

"Appare evidente che, ad esclusione delle recenti attività del demanio marittimo, le amministrazioni pubbliche non hanno messo in atto azioni volte all’acquisizione dei beni o alla dichiarazione di pubblica utilità che comunque appare necessaria per l’acquisizione al demanio dei beni culturali, storici e paesaggistici seppur in più occasioni e univocamente hanno ribadito la volontà di preservare il bene attraverso l’apposizione di una serie di vincoli".

La perizia collegiale eseguita, per conto del gip di Agrigento Luisa Turco, dall'ingegnere Gabriele Freni, docente dell'Università di Enna Kore e dal geologo Pasquale Massimiliano Mastrosimone, arriva alla conclusione che la Scala dei turchi, da anni contesa dal Comune di Realmonte e da un privato, non è di proprietà pubblica.

E' il quesito principale al quale sono stati chiamati a rispondere gli esperti nominati dal giudice nell'ambito dell'inchiesta, condotta dal procuratore Luigi Patronaggio, che - fra le altre cose - doveva chiarire la titolarità della scogliera di marna famosa in tutto il mondo.

Conclusi i sopralluoghi e l'esame della documentazione, i periti hanno riferito in aula gli esiti della loro relazione, composta da 57 pagine, nel corso dell'incidente probatorio, rispondendo al gip, al pm Gloria Andreoli e agli avvocati Giuseppe Scozzari e Salvatore Palillo, difensori dell'unico indagato. 

La Procura, il 27 febbraio dello scorso, anno aveva disposto il sequestro urgente della Scala dei Turchi. Una persona, allora, era stata iscritta nel registro degli indagati. Si tratta di Ferdinando Sciabarrà, 73 anni, che sostiene di essere il proprietario della scogliera di marna famosa in tutto il mondo. La Procura gli contesta i reati di occupazione di demanio pubblico, invasione di area demaniale, "omesso collocamento di cartelli di pericolo", violazione del codice dei beni culturali e danneggiamento al patrimonio archeologico.

Gli accertamenti hanno fatto luce su tanti aspetti. Per quanto riguarda la proprietà, il ragionamento in sintesi è che, per una delle tre particelle, la riconducibilità a Sciabarrà sia provata da atti pubblici. Sulle altre due, "seppur non si riscontra un atto dirimente in merito alla proprietà, appare evidente che Sciabarrà ne vanta il possesso da diversi decenni". Periodo durante il quale le amministrazioni pubbliche "non hanno messo in atto - scrivono i periti - azioni volte all’acquisizione dei beni" e, di conseguenza, neppure le altre due particelle sono pubbliche.

Su un altro fronte, i periti sono stati chiamati a fare luce sulle attuali condizioni della scogliera e del percorso di accesso anche alla luce del fatto che all'indagato si contesta di averne provocato il deterioramento. "I sopralluoghi compiuti - scrivono sempre i periti nella loro relazione - hanno permesso di accertare come tale luogo abbia subito delle violenze inaudite dai visitatori che, spesso, hanno lasciato dei segni indelebili sulla porzione fruibile in periodi anteriori al sequestro". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'inchiesta sulla Scala dei Turchi "contesa", i periti del gip: "Non è pubblica"

AgrigentoNotizie è in caricamento