Martedì, 23 Luglio 2024
Il processo / Realmonte

La Scala dei Turchi imbrattata con una sostanza chimica rossa, "bocciata" la lista testi della procura: processo a rischio?

Sotto accusa Domenico Quaranta, 50 anni, condannato in passato per gli attentati alla Valle dei Templi e alla metropolitana di Milano e Francesco Geraci, 47 anni, che avrebbe fatto da autista e da "palo": una leggerezza procedurale azzoppa il dibattimento

La lista dei testi della procura è stata consegnata in maniera irregolare ovvero è stata depositata solo in maniera telematica: una procedura non consentita dalla legge che ha portato il giudice a bocciarla.

Il processo a carico di due favaresi, accusati di avere imbrattato la Scala dei Turchi con della sostanza rossa, parte azzoppato perché, di fatto, il tribunale non potrà valutare la quasi totalità delle prove della pubblica accusa.

Danneggiarono la Scala dei Turchi, due favaresi verso il processo

Sotto accusa Domenico Quaranta, 50 anni, condannato in passato per gli attentati terroristici dimostrativi alla Valle dei Templi e alla metropolitana di Milano e Francesco Geraci, 47 anni, entrambi di Favara.

Il danneggiamento risale alla notte fra il 6 e il 7 gennaio del 2022. I carabinieri hanno acquisito le immagini del sistema di video-sorveglianza della zona e avviato accertamenti sulla vendita del prodotto usato per l’imbrattamento stringendo il cerchio in pochi giorni.

Si tratta di ossido di zinco, normalmente usato per verniciature in esterna: la pioggia avrebbe sciolto la polvere trasformandola in una lunga scia di colore rosso, per fortuna non indelebile tanto che alcuni volontari, poche ore dopo, l'hanno ripulita.

La Scala dei Turchi "sfregiata", presentata denuncia ai carabinieri

Quaranta, fin dall'inizio, era il sospettato principale per una serie di episodi simili di danneggiamenti ai danni, fra le altre cose, del belvedere del viale delle Dune e della scogliera di Punta Bianca. L'ex imbianchino, nel 2006, era stato condannato a 16 anni di carcere per avere sistemato una bombola di gas alla metropolitana di Milano, nel 2002, e per avere fatto brillare un ordigno rudimentale nel cuore della Valle dei Templi. Nel 2011 era già stato destinatario della misura di sorveglianza speciale, applicata fino al 2018.

"Imbrattarono Scala dei Turchi": due favaresi a giudizio

Il processo per i danneggiamenti alla Scala dei Turchi rischia adesso di essere "monco" perché il giudice Andrea Terranova, come chiesto dall'avvocato Salvatore Cusumano, difensore di Geraci, ha escluso i testi della procura per un vizio procedurale.

Di conseguenza i carabinieri che hanno indagato e gli altri testimoni che hanno riferito circostanze utili alle indagini non potranno essere sentiti. 

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Scala dei Turchi imbrattata con una sostanza chimica rossa, "bocciata" la lista testi della procura: processo a rischio?
AgrigentoNotizie è in caricamento