rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Realmonte

Borgo Scala dei Turchi, la difesa di Caristia: "Nullo il decreto di ispezione"

L’eccezione, formulata dall'avvocato Gigi Restivo, qualora venisse accolta dal Gup, potrebbe comportare anche l’annullamento di tutti gli atti successivi e vanificare l’eventuale processo, già ai limiti dei tempi di prescrizione

Presunti abusi edilizi, commessi a Realmonte, per la realizzazione del cosiddetto "Borgo Scala dei Turchi". S'è tornati in aula, stamani, davanti al Gup Francesco Provenzano. In apertura di udienza, l'avvocato Gigi Restivo - legale dell’imprenditore di Siracusa, Gaetano Caristia - ha formulato un'eccezione di nullita assoluta ed insanabile del decreto di ispezione urgente dei luoghi, disposto - dal Pm Antonella Pandolfi - il 02 dicembre 2013.

L’eccezione, qualora venisse accolta dal Gup, potrebbe comportare anche l’annullamento di tutti gli atti successivi e dunque porre nel nulla l’eventuale processo, già ai limiti dei tempi di prescrizione.

LEGGI ANCHE: "Il borgo Scala dei Turchi era abusivo", parte l'udienza preliminare per 12 imputati

L’avvocato Restivo ha eccepito "il difetto di motivazione del decreto di ispezione urgente in assenza di qualsivoglia presupposto che potesse giustificare l’adozione di una misura di urgenza che ledeva i diritti di difesa degli imputati". Il legale di Caristia ha precisato "che sarebbe stato impossibile per gli indagati, seppur preavvisati, alterare gli elementi o le tracce del reato, costituiti da 5 edifici, seppur allo stato grezzo, in strutture di cemento armato e dalla ristrutturazione di un antico casale di ben 300 metri quadrati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgo Scala dei Turchi, la difesa di Caristia: "Nullo il decreto di ispezione"

AgrigentoNotizie è in caricamento