menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Borgo Scala dei Turchi, il Tar ribalta tutto: annullato lo stop da parte della Regione

Il Tribunale amministrativo regionale ha accolto il ricorso della società Comaer ritenendo non vi fossero le condizioni per gli atti adottati

“Borgo Scala dei Turchi”, il Tribunale amministrativo regionale accoglie il ricorso proposto dalla società “Comaer” e annulla il decreto del Dipartimento urbanistica della Regione che, a sua volta, annullava concessioni edilizie e delibera di Consiglio comunale che consentiva il piano costruttivo.

I fatti sono già noti: la società acquistò un terreno di 46mila metri quadrati in contrada Canalotto a Realmonte dalle suore del “Boccone del povero” e presentò un piano di lottizzazione che ottenne il via libera dalla commissione urbanistica comunale con pareri positivi di Soprintendenza e Genio civile e, successivamente, il voto positivo del Consiglio comunale. Partirono quindi i lavori che, però, nel 2013 vennero stoppati dopo un’attività istruttoria della Regione che ritenne che il piano contrastasse con la normativa urbanistica.

Lottizzazione Scala dei Turchi, Legambiente risarcita come parte civile

Una procedura che non ha convinto il Tar, il quale oggi dando ragione al privato sostiene che nel procedere all’annullamento delle autorizzazioni l’Amministrazione regionale non “ha affatto esternato le specifiche ragioni di pubblico interesse alla conservazione dell’esistente, che giustificavano l’annullamento…” e “non è stata spesa nemmeno una parola sull’interesse specifico dell’Amministrazione regionale alla conservazione dell’esistente e sulle ragioni per le quali lo stesso prevaleva su quello del Comune di Realmonte e della società al mantenimento degli effetti della lottizzazione”.

La Regione, che adesso potrà opporsi contro questa decisione al Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, dovrà risarcire le spese legali alla società. La vicenda “Borgo Scala dei Turchi”, si ricorderà, ha avuto un proprio percorso anche di natura non semplicemente amministrativa, con alcune condanne per gli imputati che avevano scelto il processo abbreviato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento