Brucia il furgone di un disoccupato 42enne, è un avvertimento?

Non sono state trovate tracce di liquido infiammabile, taniche sospette o inneschi, ma l’ipotesi investigativa privilegiata sembra essere quella di un incendio doloso

Brucia il furgone, un Fiat Om, utilizzato da un disoccupato di 42 anni. Le fiamme sono state circoscritte e domate dai vigili del fuoco del distaccamento di Canicattì, mentre delle indagini – già nottetempo – hanno iniziato ad occuparsi i carabinieri della stazione cittadina, coordinati dal comando compagnia di Licata. Non ci sono certezze investigative, e questo perché a quanto pare non sarebbero state trovate tracce di liquido infiammabile, taniche sospette o inneschi, ma l’ipotesi investigativa privilegiata sembra essere quella di un incendio doloso. Servirà però del tempo e servirà che gli accertamenti dei carabinieri – che ieri mattina risultavano essere ancora in fase embrionale – progrediscano per fare piena chiarezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’incendio è divampato nella notte fra mercoledì e ieri, in via Berlinguer: laddove il furgone era stato lasciato posteggiato. Scattato l’allarme, sul posto si sono precipitati i vigili del fuoco e i carabinieri della stazione cittadina. I primi, idranti alla mano, hanno cercato di salvare il salvabile: le fiamme sono state infatti subito circoscritte e poi l’incendio è stato domato. Mentre queste operazioni erano in corso, i militari dell’Arma di Ravanusa – coordinati dal comando compagnia di Licata – hanno effettuato più verifiche in quella che è stata l’aria adiacente all’incendio. Esattamente per come, poi, a rogo spento, non sono state trovate tracce inequivocabili vicino al furgone, allo stesso modo non ne sono state rinvenute nelle immediate adiacenze. I carabinieri – come procedura investigativa ormai collaudata – hanno verificato se nei pressi del mezzo vi fossero o meno impianti di video sorveglianza pubblici o privati. Come sempre si spera in casi di questo genere, le telecamere potrebbero infatti dare un input determinante all’inchiesta. Fitto è il riserbo. Gli investigatori, ieri, non lasciavano trapelare – su questo “fronte” – nessuna indiscrezione. E’ stato, naturalmente, già durante la notte, sentito il quarantaduenne disoccupato proprietario del furgone. Lo scopo, come sempre, è quello di mettere dei punti fermi nell’attività investigativa e provare a fare chiarezza su cosa effettivamente abbia innescato la scintilla iniziale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Ancora tamponi Covid positivi: 1 ad Agrigento e 3 a Sciacca, contagiato un altro medico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento