menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gaetano Carmine, vice sindaoc di Ravanusa

Gaetano Carmine, vice sindaoc di Ravanusa

Ravanusa, ecco il primo esperimento di riciclo "social"

Secondo le previsioni attese, il progetto dovrebbe condurre ad un abbattimento di almeno il 30per cento sui rifiuti conferiti in discarica, incrementando nel contempo le entrate dei corrispettivi Conai. I report sugli andamenti della raccolta differenziata saranno costantemente resi noti attraverso la pagina "social". Il piano in esecuzione a Ravanusa, basato sul format "Ecoface Lab", sarà presentato anche a Canicattì il 25 maggio prossimo

Attiva già dalla scorsa settimana, la pagina “Ravanusa Ricicla” su Facebook è già il punto di riferimento del nuovo piano di raccolta differenziata, in partenza il 3 giugno.

«Abbiamo deciso di portare avanti questo straordinario progetto - dice il sindaco Carmelo D’Angelo - partendo dal presupposto che ogni passaggio deve essere condiviso con i cittadini, i quali hanno diritto di esprimere il proprio punto di vista e soprattutto di essere costantemente informati su ogni dettaglio».

Il piano in esecuzione a Ravanusa, basato sul format “Ecoface Lab”, sarà presentato anche a Canicattì il 25 maggio prossimo, al Teatro Sociale.

E sono già centinaia i cittadini attivi sulla pagina, non solo per visualizzare i post, ma anche per commentare e segnalare fatti relativi alla gestione rifiuti del territorio urbano.

In questo modo, Facebook può essere utilizzato anche come strumento per segnalare i comportamenti scorretti che danneggiano la comunità e può diventare un ottimo organo di supporto per le forze dell’ordine, che saranno da subito impegnate nelle attività di controllo a ridosso dei trentacinque punti di raccolta previsti.

«Abbiamo già inviato una richiesta di collaborazione e sostegno al Conai - conclude il sindaco - perché vogliamo partire con il giusto passo e vogliamo che tutto funzioni secondo i programmi».

Secondo le previsioni attese, il progetto dovrebbe condurre ad un abbattimento di almeno il 30per cento sui rifiuti conferiti in discarica, incrementando nel contempo le entrate dei corrispettivi Conai. I report sugli andamenti della raccolta differenziata saranno costantemente resi noti attraverso la pagina “social”, rivestendo anche la funzione di gratificare e responsabilizzare la popolazione. Quella della rete, ma non solo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento