Cercano allaccio abusivo e trovano pure cocaina, hashish e marijuana: arrestato 55enne

I carabinieri sorprendono un disoccupato in casa con la droga, il fiuto dei cani ha consentito di scovarla fra i cassetti

FOTO ARCHIVIO

Controllato per un sospetto allaccio abusivo alla linea elettrica, viene trovato in possesso di cocaina, hashish e marijuana ed oltre 30.000 euro in contanti: un disoccupato di 55 anni finisce in carcere. L'operazione è stata messa a segno dai carabinieri. 

I militari sono intervenuti in un'abitazione del centro storico e, una volta all'interno, hanno subito visto un bilancino di precisione ed alcuni oggetti notoriamente utilizzati per tagliare e confezionare le dosi di sostanze stupefacenti. Sul posto sono arrivate anche le unità cinofile che hanno individuato nei cassetti del bagno e del soggiorno alcuni grammi di marijuana, hashish e cocaina.

In un sottoscala, nascosto in mezzo a delle cianfrusaglie, è saltato fuori un cofanetto portatabacco al cui interno sono state trovare numerose banconote, per un ammontare complessivo di oltre 30.000 euro, di cui l’uomo non ha saputo fornire alcuna giustificazione.

"Al termine del blitz, inoltre, - ricostruiscono i carabinieri in una nota - è stato scoperto anche un incredibile allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica, realizzato attraverso un tubo interrato collegato su alcuni pozzetti luce Enel che erano esterni all’abitazione".

Dopo l'arresto, il giudice ha disposto nei suoi confronti l'obbligo di dimora. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento