Due rapine in due ore: colpo grosso alla tabaccheria di Favara e magro alla Posta di Ravanusa

L’ipotesi più accreditata sembrerebbe essere che ad agire, nei due paesi, siano stati sempre gli stessi delinquenti. In un caso erano armati di tirapugni, nell'altro di bastoni

Delle due indagini si stanno occupando i carabinieri

Sono state due le rapine messe a segno ieri. Una rapina all’ufficio postale di Ravanusa e una alla tabaccheria di corso Vittorio Veneto a Favara. Nell’arco di due ore, ieri mattina, due criminali – in entrambi i casi con il volto coperto – hanno colpito in due paesi diversi. Non ci sono certezze investigative, ma l’ipotesi più accreditata sembrerebbe essere che ad agire, tanto a Ravanusa quanto a Favara, siano stati sempre gli stessi delinquenti.

A Ravanusa è stato preso di mira l’ufficio postale. Ad entrare in azione sono stati, appunto, in due che erano “armati” di un tirapugni. Hanno minacciato chi era alla cassa e si sono fatti consegnare tutto il denaro che c’era. Poca roba però. Sono riusciti ad arraffare infatti soltanto 300 euro. I due si sono subito dileguati. Erano le 10,30 circa quando la rapina è stata messa a segno. Subito i carabinieri della stazione cittadina hanno avviato le ricerche dei malviventi, che però non hanno dato alcun esito, e la ricostruzione dell’episodio di microcriminalità. Sono stati acquisiti, poi, i filmati dei sistemi di video sorveglianza che, ieri pomeriggio, venivano passati in rassegna ed analizzati dai militari dell’Arma.

"Armati" di bastone rapinano una tabaccheria, due criminali in fuga

Due ore dopo, erano le 12,30 circa, l’Sos rapina risuonava per Favara.  Copione identico: hanno minacciato chi, in quell'esatto istante si trovava dietro il bancone, e si sono fatti consegnare tutto il denaro che c'era in cassa. Si sono appropriati anche di stecche di sigarette. Alla fine, il colpo alla tabaccheria è stato molto più importante rispetto a quello all’ufficio postale. Perché dalla tabaccheria di Favara sono stati portati via ben 2.500 euro in contanti e stecche di sigarette per circa 500 euro. Stanno indagano i carabinieri della tenenza di Favara. 

Ieri sera, sembrava essere certo che, tanto per la rapina di Ravanusa quanto per quella di Favara, ad agire siano stati dei malviventi locali. Nessuna indiscrezione trapelava dal più fitto riserbo investigativo mantenuto dai carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento