Anziane sequestrate e pestate in casa da un commerciante? La difesa: "Errore di persona"

Il legale del 39enne Egidio Centinaro: "Il mio cliente confuso con uno degli aggressori di don Mario Sorce"

"Ci sono fondate ragioni per ritenere che siamo in presenza di un errore di persona, Egidio Centinaro non c'entra nulla": l'avvocato Giuseppe Scozzari, subentrato di recente nella difesa del commerciante trentanovenne, imputato insieme a Giuseppe Contrino, di quattro anni più giovane, con l'accusa di avere messo a segno una rapina violenta nell'appartamento di due donne anziane, invoca un errore di persona.

Il legale ha chiesto ai giudici della prima sezione penale, presieduta da Alfonso Malato, di acquisire le indagini difensive svolte nei giorni scorsi dalle quali, secondo il legale, emergerebbe la prova di un’errata identificazione dell’imputato. Scozzari fa espresso riferimento a un'altra vicenda giudiziaria, nella quale è stato coinvolto Contrino, vale a dire l'aggressione ai danni di don Mario Sorce, preso a pugni all'interno di un bar del Quadrivio da un gruppo composto da altre sei persone perché voleva difendere i titolari dell'attività da un pestaggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un fotogramma agli atti di quell'indagine ritrae una persona insieme a Contrino - ha detto il legale - che ha fattezze simili a quelle dell'imputato". Il collegio di giudici presieduto da Alfonso Malato scioglierà la riserva il 9 marzo. La rapina cruenta al centro dell’inchiesta si sarebbe consumata il 5 dicembre del 2013 in una villa di via Mazzini. I due rapinatori, probabilmente conoscendo le abitudini delle due sorelle nubili che vivevano insieme all'anziana madre, sono entrati quando una delle due era sola in casa e l’hanno immobilizzata. Al rientro dell’altra donna è stata anche lei bloccata e picchiata con violenza. I due uomini avevano il volto travisato. Le donne, entrambe anziane (parte civile con l’assistenza dell’avvocato Salvatore Pennica), sarebbero state selvaggiamente picchiate e costrette a indicare il posto dove erano conservati i soldi e i gioielli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento