Cronaca

"Rapina prostituta con un coltello e fugge", ingegnere rinviato a giudizio

Il professionista quarantenne, dopo avere consumato la prestazione sessuale a pagamento, l'avrebbe minacciata per farsi consegnare il borsello con 1.000 euro

Rinviato a giudizio con l'accusa di avere rapinato una prostituta. Il giudice dell'udienza preliminare Stefano Zammuto manda a processo Massimiliano Piraneo, ingegnere di 43 anni, accusato anche di avere portato un coltello fuori dalla propria abitazione e di lesioni personali. 

La prostituta dominicana di 27 anni aveva confermato, in occasione dell'incidente probatorio, le accuse che avevano fatto finire il professionista agli arresti domiciliari.

Piraneo - secondo quanto ha denunciato la sudamericana - dopo avere fissato un appuntamento con lei per una prestazione sessuale a pagamento, si sarebbe presentato nella sua abitazione e, prima di andare via, avrebbe afferrato un coltellino che teneva in un borsello e l'avrebbe strattonata a un braccio per costringerla a dargli i soldi che aveva in casa.

Il professionista sarebbe poi fuggito, secondo il racconto della donna, dopo avere afferrato una borsa con circa 1.000 euro, conservata in un armadio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rapina prostituta con un coltello e fugge", ingegnere rinviato a giudizio

AgrigentoNotizie è in caricamento