Sabato, 13 Luglio 2024
Criminalità / Menfi

Rapinarono la gioielleria di Menfi portando via oltre 800mila euro di preziosi: arrestati due palermitani

Il 26enne e il 28enne per assicurarsi la fuga avevano rinchiuso a chiave titolari, lavoratori e cliente in uno stanzino e li avevano legati con delle fascette di plastica. I carabinieri sono riusciti ad identificarli grazie all’analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza, dei tabulati telefonici e dei riscontri testimoniali

Il cerchio è chiuso. I carabinieri di Sciacca hanno arrestato, in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del tribunale di Sciacca, su richiesta della Procura, i palermitani di 26 e 24 anni che sono stati ritenuti responsabili della rapina aggravata e del sequestro di persona, commessi il 26 luglio scorso, alla gioielleria “Campo” di via Inico a Menfi. I due indagati sono stati posti ai domiciliari con braccialetto elettronico.

Durante la rapina, i due armati di pistola e travisati, dopo aver fatto irruzione nella gioielleria, hanno minacciato il titolare, i dipendenti e un cliente e sono riusciti a rubare dalla cassaforte e dal bancone espositivo 25 rotoli contenenti gioielli e preziosi dal valore di oltre 800 mila euro. Per assicurarsi l'indisturbata fuga hanno - stando all'accusa - rinchiuso a chiave tutti i presenti in uno stanzino, legandoli mani e piedi con delle fascette di plastica. L’attività investigativa dei militari, coordinata dalla Procura di Sciacca, ha consentito di individuare e identificare i due uomini grazie all’analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza, dei tabulati telefonici e dei riscontri testimoniali. 

Subito dopo il colpo, i carabinieri non hanno perso un solo secondo di tempo: è stata ritrovata, completamente distrutta dalle fiamme, in contrada Terranova, nelle campagne di Menfi, la Fiat Panda utilizzata per scappare da via Inico dopo la rapina e sono state acquisite le immagini di videosorveglianza.

La macchina era risultata essere di proprietà di una giovane donna di Ficarazzi, nel Palermitano, che ne aveva denunciato il furto a metà dello scorso giugno. 

Si finge cliente e si fa aprire la porta della gioielleria: rapina a mano armata a Menfi

Fin da subito emerse che i delinquenti avessero una forte inflessione palermitana e questo ha permesso, ai carabinieri, di concentrare le attenzioni proprio sul capoluogo siciliano. 

La gioielleria Campo, all'inizio di ottobre, ha subito una tentata rapina. Il tempestivo intervento dei carabinieri di Menfi ha permesso infatti di arrestare il 33enne, pure lui di Palermo, che si era introdotto all’interno dell’esercizio commerciale con una pistola e aveva iniziato a minacciare i dipendenti per farsi consegnare i gioielli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinarono la gioielleria di Menfi portando via oltre 800mila euro di preziosi: arrestati due palermitani
AgrigentoNotizie è in caricamento