rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Porto Empedocle

"Rapinò due persone", empedoclino assolto perché "il fatto non sussiste"

Il pubblico ministero Salvatore Vella, al termine della requisitoria, aveva chiesto la condanna a cinque anni di reclusione

Il fatto non sussiste. Assolto. E' la sentenza dei giudici della seconda sezione del tribunale di Agrigento - presieduta da Luisa Turco con a latere Enzo Ricotta e Rosanna Croce - nei confronti del trentatreenne Giuseppe Vecchia di Porto Empedocle. Lo scrive il Giornale di Sicilia. Secondo l'accusa, il giovane sarebbe stato l'autore di una rapina con rappresaglia che sarebbe stata messa a segno nei confronti di due uomini e che avrebbe fruttato circa 900 euro.

L’imputato, difeso dall’avvocato Salvatore Collura, secondo la Procura aveva aggredito i due, sottraendogli i 900 euro, perché li riteneva gli autori di un furto di gioielli nella sua abitazione. La rapina sarebbe stata messa a segno quattro anni fa insieme a un diciassettenne che è stato giudicato a parte davanti al tribunale dei minorenni di Palermo. Il pubblico ministero Salvatore Vella, al termine della requisitoria, aveva chiesto la condanna a cinque anni di reclusione per l’accusa di rapina. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rapinò due persone", empedoclino assolto perché "il fatto non sussiste"

AgrigentoNotizie è in caricamento