"Rapina in banca", deve scontare 3 anni di reclusione: arrestato campobellese

I carabinieri hanno eseguito il provvedimento dopo che è arrivata la condanna dalla Corte d’Appello di Caltanissetta

Aveva commesso una rapina nel 2014, campobellese torna in carcere - per scontare 3 anni e 28 giorni di reclusione - poiché condannato dalla Corte d’Appello di Caltanissetta. Nella serata di ieri, i carabinieri della stazione di Campobello di Licata hanno arrestato - in esecuzione di un provvedimento dell'ufficio Esecuzioni penali della Corte d'appello - Gaetano La Mattina "perché riconosciuto colpevole, con sentenza definitiva, del reato di rapina aggravata in concorso, commesso a Delia, nel Nisseno, il 25 agosto del 2014 - hanno ricostruito dal comando provinciale dell'Arma di Agrigento - . L’arrestato e il suo complice avevano rapinato l’istituto di credito “Banca Intesa” di Campobello di Licata".

All’epoca dei fatti, le indagini condotte dai carabinieri di Licata avevano consentito di identificare, attraverso i fotogrammi estrapolati dal sistema di videosorveglianza della banca, i due rapinatori che erano stati denunciati e, successivamente, nel 2018, colpiti da ordinanza di custodia cautelare. La Mattina, già destinatario di un obbligo di firma per altro procedimento, dovrà quindi scontare una pena di anni 3 e giorni 28 al carcere di Agrigento per il reato di rapina aggravata in concorso. L’altro complice si trovava già in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Rapinata la banca Sant'Angelo: in due portano via 50 mila euro

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento