Assalto armato a nigeriano, gli agenti: "Non abbiamo trovato pistola e soldi"

I poliziotti sono stati ascoltati davanti ai giudici della seconda sezione penale nello stralcio in cui è imputato uno dei due giovani coinvolti

Foto archivio

"Subito dopo la denuncia, abbiamo proceduto a perquisire l'imputato e la sua abitazione, non abbiamo trovato nè i soldi nè la pistola". I poliziotti della squadra mobile che hanno preso parte all'indagine, ascoltati in aula al processo ad uno dei due giovani arrestati con l'accusa di rapina a mano armata, ricostruiscono gli accertamenti successivi alla vicenda. 

Uno dei due imputati - il ventisettenne Roberto Fragapane -, attraverso il suo difensore, l'avvocato Davide Casà, ha scelto il giudizio abbreviato e la sua posizione è stata stralciata. E' entrato, invece, nel vivo il dibattimento del processo a carico del 24enne Giuseppe Casà. I due ragazzi sono accusati di avere rapinato con una pistola un nigeriano al quale avrebbero sottratto un cellulare e un portafogli.

I due imputati, arrestati tre settimane dopo la rapina, compiuta il 12 gennaio, hanno sempre negato i fatti dicendo che c'era stata una semplice colluttazione dopo aver chiesto al nigeriano se avesse dell'hashish. La vittima della rapina, avvenuta al Quadrivio, ha denunciato, invece, di essere stato avvicinato dai due ragazzi a bordo di un'auto, dalla quale sarebbe sceso uno dei due - secondo l'accusa Fragapane - mentre Casà lo avrebbe atteso al volante. La vittima sarebbe stata minacciata con una pistola, immobilizzata e rapinata.

La vittima ha annotato la targa dell'auto di Casà e dalle immagini di videosorveglianza di un negozio è arrivata la conferma del suo racconto. Tuttavia non sono stati trovati soldi e cellulare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento