rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Strage di randagi, animalisti contro la sterilizzazione: "No a soluzione finale"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il Gruppo spontaneo riunitosi su Facebook in difesa degli ecosistemi contro in primis l’emergenza oggi rappresentata dal fenomeno divenuto preoccupante della “sterilizzazione seriale falso-animalista” di Cani e Gatti, e non solo, che sta dilagato in Italia negli ultimi mesi senza alcun freno e limite, e ciò preoccupantemente per la salvezza di queste due importantissime e antiche specie nella nostra terra, amiche da sempre dell'uomo, interviene con voce forte per stigmatizzare quanto si sta muovendo in Italia in questi giorni intorno al caso mediatico divampato sullo spiacevole accaduto di Sciacca, dove diversi Cani che vivevano in stato di semilibertà sono stati avvelenati dall'ingestione di sostanze tossiche.

Quando cade o viene tagliato irresponsabilmente un albero, la prima cosa che ogni vero ecologista fa è recuperare un suo seme per far nascere una piantina e ripiantare lì poi un albero della medesima specie o più di uno.

Così ovviamente deve essere anche nel caso della tutela degli animali, ma stiamo osservando invece un proliferare di deplorevoli comunicati stampa, che da diverse parti giungono in questo momento al mondo dell'informazione in Italia, all'interno dei quali vediamo strumentalizzato il caso Sciacca per chiedere praticamente l'esecrabile olocausto degli ultimi cani semi selvatici rimasti nel sud Italia anziché chiedere esattamente il contrario, come ad esempio più gioiose cucciolate; un olocausto senza mezzi termini o scusanti possibili che la matematica e la biologia ci dicono coincidere con la sterilizzazione seriale di tutti gli individui di una specie quale in questo caso quella dei principali amici animali dell'uomo ovvero i Cani! Con perdita dei loro patrimoni genetici che son crogiuolo per nuove razze e biblioteche viventi per il recupero della antiche razze canine!

Chiediamo pertanto a tutti gli enti pubblici e privati, a tutti i cittadini, a tutte le persone amanti davvero della Natura, di prendere le distanze da questi subdoli tentativi di spingere nel verso della “soluzione finale della sterilizzazione seriale” peraltro legata ad una iper-speculazione tutta da porta alla luce con l’occasione ed affermare invece l'importanza della tutela della fertilità dei Cani, (parte irrinunciabile per una loro piena salute come la buona veterinaria deve insegnare, la buona!), dei Cani del Sud Italia, di cui essi son patrimonio di cultura e natura, bene dell’umanità, presenza ambientale nel paesaggio di primo ordine, tanto quanto quella degli alberi o degli animali selvatici o degli altri animali domestici, risorse di biodiversità, bellezza e anche economia ecosostenibile della nostra terra, l’Italia storica, quella del Meridione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di randagi, animalisti contro la sterilizzazione: "No a soluzione finale"

AgrigentoNotizie è in caricamento