rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Favara

Sassaiola contro le vetrate della scuola, è un ripetersi di raid vandalici

Ma c’è sempre la stessa mano dietro il ripetersi di questi danneggiamenti? E’ questa la domanda che si rivolgono i cittadini

Non c’è pace. Non per i beni pubblici della città. Dopo la raffica di raid vandalici che ha preso di mira le statue della Madonna, del Sacro Cuore di Gesù e di padre Pio, nelle ultime ore la banda di scapestrati ha colpito anche l’istituto comprensivo “Falcone-Borsellino”. Durante le ore serali, o forse anche quelle notturne, i vandali hanno mandato in frantumi – con un’autentica sassaiola – le vetrate e, all’esterno, hanno rivoltato – danneggiandola pesantemente – una panchina. Non appena è stata fatta la scoperta, è stato lanciato l’allarme alla tenenza dei carabinieri. I militari dell’Arma, nelle ultime ore – fra ricerche ed indagini, interventi ed arresti – impegnati in un autentico tour de force, sono subito accorsi. E’ stato constatato il danneggiamento aggravato, raccolta la denuncia contro ignoti e sono state avviate le indagini.

Oltraggiata la statua di Padre Pio 

Ma c’è sempre la stessa mano dietro il ripetersi di questi danneggiamenti? E’ questa la domanda che si rivolgono molti dei favaresi che, negli ultimi tempi, non possono far altro che assistere inermi a quanto avviene sia in centro che in periferia. Appena cinque giorni prima del raid vandalico alla scuola “Falcone-Borsellino”, i carabinieri erano stati chiamati  perché il mezzobusto del santo di Pietralcina, collocata nell’omonimo giardino di via Beneficenza Mendola, era stato scaraventato per terra.

Decapitata la statua della Madonna 

Lo scorso fine agosto, in contrada Muntagnè, si è verificato un vero e proprio raid sacrilego: è stata decapitata la statua della Madonna e sono state mozzate le mani a quella del Sacro Cuore di Gesù. I militari dell’Arma dovranno cercare – laddove possibile – di identificare il teppista o la banda di vandali che continua a scorazzare, e a creare danni, a Favara. Non è naturalmente scontato che la “mano” sia sempre la stessa. Anzi, potrebbe – anche banalmente – trattarsi di episodi diversi, disgiunti. Spetterà però, naturalmente, all’attività investigativa dei carabinieri della tenenza fare chiarezza e, laddove possibile, identificare i balordi. 

Il cardinale Montenegro: "Ignobile gesto" 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sassaiola contro le vetrate della scuola, è un ripetersi di raid vandalici

AgrigentoNotizie è in caricamento