"O mi restituite i soldi o vi licenzio", impiegate raccontano il "pizzo" sulla busta paga

Ex lavoratrici accusano in aula il presidente di una coop che si occupa di servizi assistenziali

"Qua si fa così, o ci ridate i soldi o vi licenzio". Il "cavallo di ritorno" sulla busta paga, almeno secondo quanto raccontato in aula da alcune presunte vittime, sarebbe stato obbligatorio e imposto con minacce per nulla larvate ma esplicite e dirette.

È entrato nel vivo, davanti al giudice monocratico Alfonso Pinto, il processo a carico di Pietro Galvano, 71 anni, di Raffadali, presidente della cooperativa “Il Girasole” che si occupa di assistenza sociale. Galvano è accusato di estorsione e falsità commessa da incaricato di pubblico servizio.

L’indagine della procura di Agrigento e della Squadra mobile, che ha portato alla decisione del giudice di mandarlo a processo, scaturisce dalla denuncia presentata nell’agosto del 2016 da una ex dipendente della cooperativa sociale. La donna ha raccontato di essere stata costretta a restituire parte dello stipendio che formalmente le veniva erogato e che, se si fosse rifiutata, avrebbe perso il lavoro. Ieri mattina c'è stata la deposizione di tre presunte vittime (parti civili con l'assistenza degli avvocati Floriana Salamone, Giuseppina Ganci e Angela Riggio) hanno raccontato la loro versione dei fatti. "Galvano chiedeva a tutti di restituire i soldi del nostro stipendio. Ci pagava con degli assegni che eravamo costretti a incassare in banca e prelevare del denaro, attorno al 10 per cento, da restituirgli in contanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La dipendente della coop ha precisato che "Galvano era molto aggressivo, le sue non erano richieste tanto implicite. Ci diceva chiaramente che dovevamo fare così perché, in caso contrario, ci avrebbe licenziato. Quando qualcuno non era celere nel restituire i soldi veniva ripreso e sollecitato. Una collega, ad esempio, non riusciva più ad acquistare gli abiti e le scarpe al figlio perché era costretta a sottostare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento