menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio

foto archivio

Denuncia pestaggi e violenze del marito, la psicologa: "Troppe suggestioni"

La specialista ha definito "compromessa" la capacità di testimoniare della presunta vittima: chiuso l'incidente probatorio

"La capacità di testimoniare della presunta vittima è compromessa perchè mostra una personalità fortemente suggestionata". Lo ha detto la psicologa Daniela Pulci, perito del gip Luisa Turco, nell'incidente probatorio disposto nell'ambito di un'inchiesta a carico di un trentunenne di Raffadali, accusato di maltrattamenti.

Calci, schiaffi, pugni e violenze di ogni tipo all'indirizzo della moglie e dei tre figli. Un clima di indicibili vessazioni familiari e violenze di cui ne avrebbero fatto le spese, fra il giugno del 2019 e il febbraio dell'anno scorso, anche i tre bambini della famiglia. L'uomo - un trentunenne di Raffadali - nel maggio dell'anno scorso è stato destinatario di un provvedimento che gli imponeva il divieto di avvicinamento.

L'ormai ex compagna e le due figlie, sentite lo scorso dicembre in aula, hanno, in parte, ridimensionato le accuse. Il raffadalese, difeso dall'avvocato Salvatore Cusumano, è indagato per maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate e sequestro di persona. La testimonianza della ragazza, assistita dall'avvocato Annalisa Lentini, è stata definita non del tutto attendibile. 

L'incidente probatorio, con l'audizione in aula della psicologa, è stato concluso e il gip ha restituito gli atti al pubblico ministero Gloria Andreoli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento