Da Raffadali a Joppolo: tutti in marcia per ricordare le vittime innocenti di mafia

Protagonisti, ancora una volta, i ragazzi delle scuole di tutta la provincia. Il prefetto Dario Caputo e il sindaco Giuseppe Portella: "Giornate come questa devono servire per dare coraggio e supporto a chi ogni giorno, a volte nel silenzio, combatte"

Un momento della manifestazione in corso Umberto

Ancora un successo per la quinta edizione della marcia Raffadali-Joppolo per ricordare le vittime innocenti di mafia, organizzata dal Comune di Joppolo Giancaxio, in collaborazione col Municipio di Raffadali. Una giornata che ha visto ancora protagonisti i ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado che sono arrivati a Raffadali da tutta la provincia per poi incamminarsi, dietro i loro striscioni, lungo il tragitto verso Joppolo Giancaxio.

Non prima del saluto e dell’intervento del sindaco di Raffadali, Silvio Cuffaro, che ha ricordato a tutti che la vera antimafia è quella spontanea dei ragazzi presenti nella piazza e non di chi dell’antimafia ne ha fatto una professione e un mezzo per fare carriera. “Cercate di riempire questa giornata di contenuti - ha detto Cuffaro rivolgendosi ai ragazzi – siete voi il nostro futuro e la nostra speranza”.

A Joppolo ad attendere l’arrivo della lunga carovana c’erano diversi sindaci della provincia di Agrigento e i più alti rappresentanti di tutte le forze dell’ordine.

Sul palco di corso Umberto c’è stato poi l’intervento del sindaco di Joppolo Giuseppe Portella e del prefetto di Agrigento, Dario Caputo, che hanno sottolineato l’importanza di giornate come questa che devono servire per testimoniare, ma soprattutto per dare coraggio e supporto a chi ogni giorno, a volte nel silenzio, combatte contro la mafia.

E lo Stato, appoggiando simili iniziative, testimonia il significato che viene attribuito da tutte le istituzioni a una battaglia difficile ma da vincere.

Particolarmente suggestiva ed emozionante la scenografia ideata dall’ex assessore di Joppolo Giancaxio, Enzo Carrubba, con tutti i ragazzi distesi in corso Umberto a simboleggiare tutti i caduti, e poi in piedi a formare l’albero della vita e del ricordo, segno di rinascita e di riscatto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A conclusione il cantastorie Paolo Zarcone ha intrattenuto il pubblico fino all'apertura dei laboratori artistici al parco "Pippo Fava".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento