Coronavirus, un nuovo positivo nell'Agrigentino: raffadalese messa in quarantena

Dopo quasi una settimana di "contagi 0" in provincia, si registra un infetto. Il sindaco Silvio Cuffaro: "Chiedo di rivedere la scelta, secondo me scellerata, di non monitorizzare coloro che tornano dalle altre Regioni a rischio e da altri Paesi europei. Sarebbe opportuno continuare a controllare questi rientri perché così rischiamo di tornare prepotentemente alla fase 1"

foto ARCHIVIO

Dura meno di una settimana il periodo di "contagi 0" in provincia di Agrigento. Oggi, a distanza di sei giorni dal precedente di Campobello, una ragazza di Raffadali è risultata infetta dal Coronavirus. A comunicarlo è l'Azienda sanitaria provinciale di Agrigento nel consueto report quotidiano. Per la prima volta dall'emergenza, invece, la Regione Sicilia, che ha fatto sapere di avere contabilizzato due nuovi positivi, non ha inviato alcun report facendo sapere che il prossimo aggiornamento avverrà lunedì.

La persona infetta al Covid-19 di Raffadali è stata posta in quarantena. Oggi, sempre secondo il report dell'Asp, sono stati validati 62 tamponi. Restano con lo zero tutte le altre caselle di guariti, ricoverati e deceduti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Volevo rassicurarvi che la ragazza, con grande senso di responsabilità, è stata in assoluto isolamento - ha spiegato il sindaco di Raffadali, Silvio Cuffaro, - . Per i componenti della sua famiglia ho chiesto all’Asp la cortesia di sottoporli a tampone, effettuato due ore fa. Sto inviando una lettera al presidente della Regione, all’assessore alla Sanità e al direttore dell’Asp in cui chiedo di rivedere la scelta, secondo me scellerata, di non monitorizzare coloro che tornano dalle altre Regioni a rischio e da altri Paesi europei. Sarebbe opportuno continuare a controllare questi rientri perché - ha spiegato Cuffaro - così rischiamo di tornare prepotentemente alla fase uno e sarebbe una tragedia anche per l’economia del nostro Paese. Specifico inoltre - ha concluso il sindaco - che io e la mia famiglia stiamo bene. Vi ringrazio per esservi preoccupati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento