Cronaca

Carabina ad aria compressa modificata, ogiva da guerra e piombini: denunciato infermiere

A scovare e sequestrare il materiale, durante una perquisizione domiciliare, sono stati i carabinieri

Aveva in casa una carabina ad aria compressa, funzionante, che era stata modificata, aumentandone la potenza e, di fatto, trasformandola da giocattolo ad una vera e propria arma. E’ stato denunciato, alla Procura di Agrigento, dai carabinieri, un infermiere raffadalese di 57 anni.

Ad effettuare la perquisizione domiciliare sono stati i carabinieri della stazione di Raffadali, che sono coordinati dal comando compagnia di Agrigento, assieme al nucleo cinofili dell’Arma di Palermo e agli artificieri del nucleo investigativo sempre del capoluogo siciliano.

Durante l’ispezione i militari hanno trovato, appunto, la carabina ad aria compressa modificata, ma anche due scatole di piombini calibro 4,5, un bossolo calibro 50 Bmrg che è una ogiva da guerra, un arco con freccia (che è però di libera vendita) e una pistola ad avancarica antecedente al 1920, non funzionante. La denuncia alla Procura è scattata per la carabina ad aria compressa trasformata da giocattolo ad arma. Tutto il materiale è stato comunque, in via precauzionale, posto sotto sequestro. Lo scorso aprile, sempre a Raffadali, i carabinieri arrestarono un muratore 43enne, ma in quel caso – fra pistole, fucili e munizionamento – venne scovato un arsenale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabina ad aria compressa modificata, ogiva da guerra e piombini: denunciato infermiere

AgrigentoNotizie è in caricamento