Mancato pagamento degli stipendi, i netturbini sono sul piede di guerra

"E' necessario - dicono i sindacati - che l'amministrazione comunale consideri l'importanza di fare rispettare le norme contrattuali"

(foto ARCHIVIO)

Non ricevono lo stipendio con regolarità, i lavoratori delle ditte Iseda, Sea, Ecoin e Icos sono sul piede di guerra.

Tutto è contenuto in un documento notificato giusto stamattina alle imprese oltre che alla Prefettura e alla Srr Ato4 dalle organizzazioni sindacali. Stando a queste, oggi devono essere versate ben due mensilità. Gli operatori, scrivono Cgil Fp, Fit Cisl e Uiltrasporti, "in questo momento di grave crisi sanitaria del Paese, dovuta all'emergenza Covid19, hanno garantito con generosità il massimo livello di efficacia del servizio pubblico essenziale quale è l'igiene urbana" nonostante, precisano, "i lavoratori non riescano a garantire le esigenze primarie delle loro famiglie.

"E' necessario - concludono - che l'amministrazione comunale consideri l'importanza di fare rispettare le norme contrattuali per i versamenti delle spettanze e per la sicurezza dei lavoratori. Per scongiurare proteste spontanee, quindi, si chiede l'intervento del prefetto per risolvere la vertenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento