Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Raccolta differenziata "impura", camion carichi di rifiuti tornano indietro

A Porto Empedocle aumenta in termini percentuali, ma diminuisce rispetto alla qualità del materiale differenziato, almeno per quanto concerne l'umido o organico

Operatori al lavoro

Diversi camion che trasportavano rifiuti organici per la differenziata di Porto Empedocle e Realmonte sono stati respinti dall'impianto “Sicilfert” di Marsala, perché "impuri" e non ben differenziati. Lo rende noto l'Iseda.

A Porto Empedocle, dunque, la raccolta differenziata aumenta in termini percentuali, ma diminuisce rispetto alla qualità del materiale differenziato, almeno per quanto concerne l'umido o organico. Le criticità emergono da un'analisi effettuata dalla società Realmarina, che ha in appalto il servizio di raccolta differenziata a Porto Empedocle e Realmonte.

“Nelle ultime settimane – spiegano dalla società – ci siamo visti respingere diversi camion di Realmarina che portavano all'impianto 'Sicilfert' di Marsala, il materiale umido o organico, proveniente dalla raccolta differenziata di Porto Empedocle. In questi rifiuti, in pratica, è stata sempre più spesso riscontrata un'impurità pari o superiore al 30 per cento consentito dalla normativa vigente, il che significa che nei rifiuti dell'umido viene gettato anche altro materiale che andrebbe invece differenziato e separato per essere raccolto e smaltito in altri giorni”.

Un problema questo, che impone alle imprese di tornare indietro con il carico che l'impianto ha rifiutato, portarlo altrove per essere trattato e poi successivamente smaltito. Il tutto, con un aggravio di costi non indifferente che si ripercuoterà, alla fine, sugli utenti stessi. Per evitare tutto ciò, è la stessa Realmarina che lancia un appello all'amministrazione comunale di Porto Empedocle, "affinchè venga attivata, in maniera urgente, una task-force  per un controllo mirato dei cestelli dell'umido in modo da evitare il ripetersi di queste situazioni".

“Solo in questo modo – spiega l'amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi – si può tornare a regime ed evitare che l'impianto Sicilfert di Marsala ci respinga il carico dell'umido con un conseguente aggravio di costi d aparte del Comune. Chiediamo dunque al sindaco Carmina, di istituire insieme alla Realmarina, una squadra composta da operatori della Realmarina e di Vigili Urbani che possa aiutare concretamente a risolvere il problema, che va sottolineato, si sta verificando da qualche settimana e che prima non esisteva”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta differenziata "impura", camion carichi di rifiuti tornano indietro

AgrigentoNotizie è in caricamento