rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cronaca

Avvio della raccolta differenziata, di nuovo a rischio 14 posti di lavoro

Domani, quasi certamente verrà proclamato lo stato d'agitazione degli operatori ecologici e si terranno tre riunioni sindacali a Gesa. Cgil, Cisl e Uil: “Nessuno dovrà essere licenziato”

Sulla stessa lunghezza d’onda la Cisl che per voce del segretario della Fp Umberto Nero esprime perplessità per le ultime novità sulla vertenza. “Abbiamo firmato un accordo – dice - su indicazione della Srr, ma evidentemente sui numeri e sulla collocazione del personale qualcosa non è andato per il verso  giusto. Dobbiamo capire, al più presto, dove l’ingranaggio si è inceppato. Sui licenziamenti è impossibile cedere o tergiversare anche perché su Agrigento, i tecnici non hanno ancora firmato la perizia di variante per la differenziata e non credo lo faranno se ci saranno licenziamenti”.

VEDI ANCHE LA VIDEO INTERVISTA ALL'ASSESSORE MIMMO FONTANA 

Intanto, quella di domani, sarà una giornata caldissima per il comparto rifiuti ad Agrigento. Oltre all’agitazione dei dipendenti, i disagi per una decina di persone in meno in servizio che lascia, ovviamente, quartieri senza spazzamento e discerbamento ridotto al minimo, sono previste tre riunioni, una di seguito all’altra nei locali di Gesa nell’area industriale. Cgil, Cisl e Uil inizieranno alle 15.30 incontrando gli amministratori comunali, poi le imprese e infine la Srr.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvio della raccolta differenziata, di nuovo a rischio 14 posti di lavoro

AgrigentoNotizie è in caricamento