rotate-mobile
Palazzo dei Giganti

Rifiuti, al Comune la “visita” del Comieco che ricicla la carta: per il Codacons si stanno perdendo soldi

Secondo l’associazione che tutela i consumatori la raccolta differenziata viene fatta male perché gli scarti in cellulosa finiscono dentro sacchetti di plastica declassando il materiale e creando un danno economico

I rappresentanti regionali del Comieco, il consorzio nazionale imballaggi carta e cartone, hanno fatto visita al Comune di Agrigento per “spiegare - come riferisce in una nota il responsabile regionale del Codacons Giuseppe Di Rosa - che conferire il rifiuto dentro i sacchetti di plastica inficia la qualità del cartone declassando il rifiuto. Ciò comporta la perdita degli incentivi che ammontano a circa 120-150 euro a tonnellata“.

Secondo Di Rosa, dunque, sottrarre materiali preziosi come la carta alle discariche per dar loro nuova vita è un’operazione di buon senso oltre ad essere l’obiettivo principale della raccolta differenziata. Ma ad Agrigento questo processo s’inceppa perché la specifica raccolta di carta e cartone non viene fatta come si dovrebbe facendo perdere denaro alle casse del Comune.

“Solo negli ultimi decenni - prosegue Di Rosa - ci si è resi conto del problema, si sono immaginate le soluzioni e si è infine arrivati a disegnare il cosiddetto ‘Ciclo del riciclo’ di carta e cartone: un processo in grado di proteggere l’ambiente, ridurre gli sprechi, economizzare le risorse e creare occupazione. Il primo anello del ciclo del riciclo è il cittadino che avvia il ciclo virtuoso separando la carta e il cartone dai rifiuti generici. Poi il Comune o il gestore incaricato organizzano il servizio di raccolta. Negli impianti di recupero carta e cartone vengono selezionati e privati dei materiali estranei. Nella cartiera la carta da macero viene lavorata per rinascere sotto nuove forme, mentre nelle cartotecniche e tipografie viene trasformata in nuovi prodotti e imballaggi, pronti per essere usati nella nostra vita quotidiana. 

In tutto questo si inserisce il Comieco che interagisce con ogni elemento del ‘Ciclo del riciclo’ e che garantisce che il flusso di materiale alle cartiere sia sempre costante. Il Comieco supporta i Comuni erogando un corrispettivo economico che serve a sostenere i maggiori costi della raccolta differenziata. Allo stesso tempo si rivolge ai cittadini con campagne di comunicazione, ma anche offrendo la garanzia che tutto ciò che viene separato in casa sia effettivamente riciclato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, al Comune la “visita” del Comieco che ricicla la carta: per il Codacons si stanno perdendo soldi

AgrigentoNotizie è in caricamento