menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Rinchiusi in uno sgabuzzino e rapinati di 61 mila euro e gioielli: sotto choc 3 pensionati

I fratelli di 73, 79 e 83 anni - fra cui una donna - sono stati strattonati con violenza e minacciati dai tre criminali che, fra stanze e mobili, sono riusciti a scovare tutto quello che gli anziani possedevano. Durante la fuga, i delinquenti hanno anche perso qualche banconota

Sono riusciti a portar via i 50 mila euro che erano nascosti dietro la cucina, più oggetti in oro custoditi dietro la lavatrice e 4 buoni del tesoro da 2.500 euro ciascuno che erano in un cassetto. Colpo grosso, anzi di più, quello che è stato messo a segno in un'abitazione rurale di contrada Zaccanello a Racalmuto. Tre i malviventi che, ieri, hanno fatto irruzione - all'improvviso - nella residenza dei tre anziani pensionati. I criminali - strattonando con violenza i tre fratelli, fra cui una donna, e minacciandoli - hanno rinchiuso gli anziani dentro uno sgabuzzino e hanno razziato, letteralmente, la residenza. Arraffato tutto quello che hanno trovato, i rapinatori sono scappati verso contrada Serrone. Nessun dubbio sul fatto che sia stata proprio quella la via di fuga utilizzata dai delinquenti e questo perché, durante la fuga, hanno perso alcune delle banconote che avevano appena rubato. Denaro che è stato rinvenuto durante il sopralluogo delle forze dell'ordine. 

Il danno, complessivamente, è stato quantificato in circa 61 mila euro. Danno non coperto da nessuna polizza assicurativa. E' stata informata la Procura della Repubblica di Agrigento che ha aperto un fascicolo d'inchiesta. 
Sono state già sentite, come sempre avviene in casi del genere, le vittime della rapina: la pensionata di 79 anni e i fratelli (anche loro pensionati) di 83 e 73 anni.

Non è escluso che chi ha agito - i tre criminali - sapessero del fatto che in quella casa rurale vi fossero soldi e monili in oro. Spetterà all'attività investigativa fare chiarezza e provare, laddove sia possibile, a dare un nome e cognome ai malviventi che, probabilmente, sono entrati in azione dopo aver fatto appostamenti e dopo aver studiato bene le tre anziane vittime.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

8 marzo, Zambuto: "Dedicare vie e piazze a personaggi femminili"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento