rotate-mobile
Il provvedimento / Racalmuto

Il duplice omicidio dei coniugi di Racalmuto, fermo convalidato e ricovero in manicomio per il figlio

Salvatore Sedita, 34 anni, ha confessato il delitto dei genitori Giuseppe Sedita, 66 anni e Rosa Sardo, 62, massacrati con 47 colpi di mannaia. Formalizzata pure l’accusa di maltrattamenti

Fermo convalidato e ricovero in un manicomio criminale o Rems (residenza esecuzione misure di sicurezza) per Salvatore Sedita, il 34enne di Racalmuto reo confesso dell’omicidio dei genitori Giuseppe Sedita, 66 anni e Rosa Sardo, 62, massacrati con 47 colpi di mannaia.

Lo ha disposto il gip di Agrigento, Francesco Provenzano, all’indomani dell’interrogatorio nel quale l’uomo, assistito dal suo legale Ninni Giardina, ha confessato tutto. 

Il procuratore facente funzioni di Agrigento, Salvatore Vella, e il pubblico ministero Gloria Andreoli hanno pure formalizzato l’accusa di maltrattamenti a carico dell’uomo che, secondo quanto emerso dal racconto della sorella che ha trovato i cadaveri dei genitori nella loro abitazione di contrada Stazione, a Racalmuto, li avrebbe più volte picchiati e minacciati di morte.

Dall’autopsia emerge una ferocia inaudita: Sedita avrebbe inferto 25 colpi di mannaia per uccidere la madre e 22 per il padre.

All’origine del gesto ci sarebbero dei contrasti legati allo stato di tossicodipendenza e ai problemi psichiatrici dell’uomo che dopo la separazione dalla moglie era tornato a vivere con i genitori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il duplice omicidio dei coniugi di Racalmuto, fermo convalidato e ricovero in manicomio per il figlio

AgrigentoNotizie è in caricamento