menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I ceri votivi sistemati in piazza Crispi

I ceri votivi sistemati in piazza Crispi

Niente festa per la Madonna del Monte: è in arrivo il quarto cero votivo

Sarà dedicato agli emigrati racalmutesi nel mondo. Siglato protocollo d'intesa con diverse comunità residenti in Belgio, Francia, Inghilterra, Germania, Venezuela, Usa

La festa in onore di Maria Santissima del Monte, quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria determinata dal Covid, non è “svampata”. In piazza Crispi, quale simbolo dei riti e della devozione alla compatrona di Racalmuto, sono stati sistemati i tre Ceri votivi. Ma dal prossimo anno i Ceri saranno quattro. Ci sarà anche quello degli emigrati racalmutesi. Ad annunciarlo, ieri, sono stati il presidente e i soci dell'associazione di promozione turistica "Vivi Racalmuto”. E’ stato siglato infatti un protocollo d'intesa con diverse  comunità di emigrati racalmutesi residenti in Belgio, Francia, Inghilterra, Germania, Venezuela, Usa e con varie associazioni di categoria. A dare il via libera è stata l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Vincenzo Maniglia, e il comitato di Maria Santissima del Monte, presieduto dal rettore don Luigi Mattina. Il progetto ha tra i suoi ideatori Giancarlo Matteliano e Luigi Agrò, (figlio di Michele Agrò racalmutese  emigrato  ad Hamilton) ed ha l’obiettivo di rinsaldare la profonda devozione, di tutti i racalmutesi sparsi per il mondo, per la Madonna del Monte. Alla proposta dell’associazione di promozione turistica hanno aderito le famiglie Martorelli-Campanella (Canada),

Antonio Puma (Inghilterra), la famiglia Chiodo (Belgio). Ha aderito anche Joe Curto, figlio di Lorenzo e Giuseppina Curto, presidente del prestigioso e laborioso comitato di festeggiamenti di Maria Santissima del Monte ad Hamilton dove risiede la più numerosa comunità di emigrati racalmutesi. Il progetto vedrà coinvolti, per la messa in opera e la materiale realizzazione dell’opera, prevista per  luglio 2021, anche vari professionisti ed artisti racalmutesi tra cui architetti, artigiani, designer (tra cui Miriana Chiarelli e Giulia Costumati) e pittori. Entrerà, così a far parte della storia di Racalmuto un altro Cero votivo. “Nel pieno rispetto delle vigenti norme, onoreremo la Madonna, regina di Racalmuto che ci ha preservato dal pericoloso contagio, con piccole ma significative iniziative” – ha detto il sindaco Maniglia - .

cero degli emigrati racalmutesi-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

8 marzo, Zambuto: "Dedicare vie e piazze a personaggi femminili"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento