Demolizione di fabbricati abusivi e bonifica di maxi discarica: al via i lavori

Gli interventi sono stati già affidati per complessivi 12.757,71 euro

Operazioni di bonifica ambientale (foto ARCHIVIO)

E’ il momento dei fatti. E’ il tempo in cui si dovrà procedere alla demolizione dei fabbricati abusivi e al ripristino dello stato dei luoghi di contrada Padreterno. Il Comune di Racalmuto ha approvato, in linea tecnica, la perizia di stima relativa ai costi del procedimento e i lavori sono stati già affidati alla Mediterranea Servizi di Ignazio Sbalanca, che ha offerto un ribasso del 5 per cento, per complessivi 12.757,71 euro.

Era il novembre del 2013 quando, durante un sopralluogo congiunto tra polizia municipale, stazione dei carabinieri e polizia provinciale, veniva accertato che su quell’appezzamento di terreno di contrada Padreterno c’erano due costruzioni abusive e c’era una discarica di materiali vari su una superficie di circa 5.650 metri quadrati. Subito venne firmata un’ordinanza di demolizione e venne ingiunto ai proprietari di demolire a propria cura e spese le opere abusive. Si arrivò però al gennaio del 2016 quando il Comune procedette all’acquisizione gratuita al patrimonio dell’ente di quei 5.650 metri quadrati e delle opere abusive. Ad ingiungere la demolizione dell’opera abusiva anche il tribunale di Agrigento. Il Municipio di Racalmuto, considerato l’esiguo valore dell’appalto, ha deciso di procedere con affidamento diretto. Lo scorso febbraio arrivò dunque il preventivo di spesa e l’offerta della Mediterranea servizi risultò essere conveniente, quindi s’è proceduto ad affidamento. Non è chiaro quando – non è stato specificato negli atti d’affidamento all’impresa – i lavori dovrebbero prendere il via. Appare scontato che ultimato l’iter burocratico, i macchinari dell’impresa potranno mettersi al lavoro sia per procedere alla totale bonifica dell’area che per eliminare i fabbricati abusivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento